Iraq, patriarca di Baghdad: Celebriamo Natale in silenzio e tra le lacrime

 

“Abbiamo deciso di non fare celebrazioni ‘sociali’ né decorazioni particolari. Celebriamo il Natale con silenzio e lacrime per dire ai musulmani: ‘Non è giusto, noi siamo cittadini come loro, non siamo cittadini di seconda classe’”.

iraq_Louis_Sako_patriarca

Lo dice, in un’intervista a Radio Vaticana, il patriarca caldeo di Baghdad Louis Sako.”Abbiamo gli stessi diritti – aggiunge il patriarca iracheno – la libertà religiosa è per tutti. Nelle chiese, nelle parrocchie celebriamo le Messe per i bambini, per i giovani, per le famiglie. Il governo ha realizzato un albero molto grande, alto 25 metri, in un giardino qui vicino al Patriarcato. Ne ha fatto uno anche al Parlamento. Ma per noi questo non significa nulla: vogliamo atti di pari cittadinanza, gli stessi diritti degli altri. Questo ci dà fiducia per un futuro migliore. Se si continuano a fare persecuzioni non va bene“. (La Presse)

Iraq. «Nel 2020 non resterà un solo cristiano nel paese»

Iraq: cristiani fuggiti da Mosul, bruciato episcopato, manoscritti e biblioteca

Iraq, patriarca caldeo denuncia: “Gli Usa non vogliono attaccare Isis a Mosul e Ninive”



   

 

 

1 Commento per “Iraq, patriarca di Baghdad: Celebriamo Natale in silenzio e tra le lacrime”

  1. DA CHE PARTE E’ LA VERITA’-??? UN GIORNALE ; RENZI DICE MANDIAMO 1.500 SOLDATI A IN IRAQ A SALVAGUARDARE LA DIGA , DA ATTENTATI.
    ALTRO GIORNALE , IL PRIMATE DELL’IRAQ , DICE CHE NON HA FATTO NESSUNA CHIESTA E NON LA FARA’ NON HA BISOGNO.-

    QUESTA MORALE TRASCINATA IN ALTRI FATTI IN ITALIA “STIAMO FRESCHI” SENZA NECESSITA’ DELL’INVERNO.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -