Camorra, arrestato boss latitante: era vicino a casa

 

carabinieriCamorra: altra medaglia sul petto di Alfano: arrestato boss latitante! Non era in Australia, Sud Africa o in Norvegia, ma vicino casa.

Dice Armando Manocchia “Se davvero li cercassero, li arresterebbero tutti in pochi giorni. Dai fatti, attuali e passati, si evince benissimo che questi cosiddetti boss, che sono tali finché  si trovano nel loro habitat, non vivono mai lontano dal loro raggio di azione ed anzi, se ben nascosti e coperti da una coltre di omertà, restano nel loro territorio“.

Anche questa volta, e grazie ai parenti che sono andati dal latitante per trascorrere insieme il Natale, le forze dell’ordine sono riuscite a  scoprire il suo nascondiglio e ad arrestarlo. Con un blitz scattato all’alba di stamani, i Carabinieri del Comando provinciale di Napoli hanno infatti rintracciato e arrestato, a Monteruscello (Napoli) Corrado Orefice, 46 anni, napoletano, detto “‘o cunfettar“, ritenuto dagli investigatori l’attuale reggente del clan “Vinella grassi”, gruppo camorristico che ha preso il nome da un quartiere di Secondigliano.

Armando Manocchia  @mail



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -