Terrorismo: libica fermata e scarcerata, ma per il Gip “gravi indizi”

 

digosPalermo – Il giudice la scarcera, ma le indagini non si fermano su una ricercatrice della facolta’ di Economia di Palermo, una libica di 45 anni fermata domenica dalla Digos e accusata di istigazione e apologia di reato con finalita’ di terrorismo, con l’aggravante della dimensione transnazionale della condotta’; insomma, di fare propaganda per la jihad, anche attraverso Facebook, rilanciando i proclami di morte dell’Isis e di Al-Qaeda.

MAGISTRATI E TERRORISMO: comportamento strano di una casta strana

Su Khadiga Shabbi il gip sostiene che ci sono “gravi indizi”, ma non esisterebbe il rischio di fuga o di inquinamento probatorio. Con questa motivazione il giudice Fernando Sestito, non convalidando il fermo “per difetto dei presupposti di legge”, ha ritenuto sufficiente disporre solo l’obbligo di dimora, con il divieto di uscire da casa dalle 20 alle 7, respingendo la custodia cautelare in carcere – chiesta dalla Procura che ha adesso annunciato l’impugnativa del provvedimento – e disponendo l’immediata liberazione. La ricercatrice di Scienze economiche aziendali e statistiche, aveva iniziato il suo dottorato nel gennaio 2014. A lei la polizia ha sequestrato in casa materiale informatico e un pc e, si legge nel provvedimento del gip, “ha realizzato le sue condotte attraverso strumenti informatici o telematici e segnatamente attraverso Facebook, condividendo sul suo profilo e sulle pagine del social network relative ad altri gruppi, sia aperti che chiusi, nonche’ creando creando delle pagine Facebook ad hoc, materiale propagandistico delle attivita’ svolte da gruppi islamici di natura terroristica, sia di tipo documentale che video-fotografico”.

La donna era stata reclusa al Pagliarelli e stamattina e’ arrivata la decisione del giudice secondo cui, pero’, “risulta accertato che la donna, nonostante viva in Italia e fuori dal contesto bellico libico, segua con la massima attenzione tali episodi, che la connotano come parte integrante di un sistema di cui ne condivide l’ideologia estremista islamica, e ancorche’, trovandosi nell’incapacita’ operativa che la pone in una situazione di disagio, tenta di colmare la distanza fisica con il suo appoggio incondizionato, sia attraverso il web che da supporto reale, diventando struttura logistica, pronta per la disponibilita’ ad ogni necessita’ degli estremisti islamici, e realizzando cosi’ una forma di istigazione delittuosa”.

La donna, che risiederebbe a Palermo da tre anni, avrebbe tentato di far arrivare il nipote, ritenuto un combattente dell’Isis poi ucciso in Libia, e avrebbe trasferito somme denaro per finalita’ sospette. E’ stata monitorata dalla polizia per diversi mesi e, secondo quanto si apprende, sarebbe imparentata con esponenti dell’organizzazione terroristica che avrebbe organizzato l’attentato all’ambasciata Usa in Libia nel 2012. Inoltre sarebbero emersi contatti con due foreign fighters, un del Belgio e’ uno del Regno Unito. Soprattutto sarebbe un ‘soggetto a disposizione’ dell’organizzazione terroristica Ansar Al Sharia Lybia. Elementi che fanno ritenere al procuratore Francesco Lo Voi, che coordina l’indagine insieme all’aggiunto Leonardo Agueci e al sostituto Calogero Ferrara, “la misura del tutto inadeguata alle esigenze cautelari e all’intensissima rete di rapporti intrattenuti dall’indagata, oltre che contraddittoria e contraria alla piu’ recente giurisprudenza. Pertanto la impugneremo”. “Rispettiamo questa decisione del giudice. Ricordo che in ogni caso non e’ una pronuncia sul merito delle contestazioni”, e’ il parere del ministro della Giustizia, Andrea Orlando. “Rispettando le decisioni del giudice, anche quelle che non ci convincono, io credo che ci fossero forti e fondati elementi per la conferma della custodia cautelare”, sostiene il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti. “Noi rispettiamo le decisioni della magistratura e comunque proseguiamo il nostro lavoro”, si limita a dire il questore Guido Longo che spiega: “La donna era seguita da alcuni mesi e le indagini non si fermamo”. (AGI)



   

 

 

2 Commenti per “Terrorismo: libica fermata e scarcerata, ma per il Gip “gravi indizi””

  1. tenerla in carcere no eh ?

  2. fra qualche tempo leggeremo:
    era gia’ stata fermata nel dicembre 2015
    ma nei suoi confronti non furono presi
    provvedimenti

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -