Banche, Antitrust: “Per la Boschi nessun conflitto di interesse”

“Non c’è alcun conflitto di interessi” per il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi sul caso del salvataggio della Banca Etruria. Lo affermano fonti autorevoli Antitrust in merito alla risposta al deputato del Movimento 5 stelle Alessandro Di Battista che ha chiesto un chiarimento in materia.

BOSCHI

“In forza della legge Frattini del 2004 sui conflitti di interesse” riferiscono fonti dell’Autorità garante della concorrenza ha accertato che il ministro non ha partecipato alle riunioni del Cdm di approvazione dei provvedimenti: In particolare la Boschi non era presente il 20 gennaio 2015, l’11 novembre 2015 con il decreto Salva-banche e neanche il 16 novembre con il decreto legislativo numero 180. L’assenza della Boschi è stata inoltre confermata anche nelle riunioni del 6 e del 13 novembre, quindi non poteva avere nessuna “incidenza specifica e preferenziale” sul patrimonio sul patrimonio del titolare, del coniuge o dei parenti entro il secondo grado, ovvero delle imprese o società da essi controllate, e dunque “nessun danno per l’interesse pubblico”.

Inoltre sul fronte delle attività patrimoniali della Boschi e dei suoi familiari, l’Antitrust segnala che il ministro ha compilato correttamente la dichiarazione nella quale non risulta il possesso di azioni bancarie della Banca Etruria, anche se il questionario impone l’obbligo di dichiarare il possesso di azioni solo sopra i 50 mila euro. adnkronos

Stakeholders: i Boschi non sono in conflitto di interessi, sono portatori d’interesse!

 


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -