Yermen: i Sauditi bombardano scuole e ospedali

Almeno venti ribelli sciiti uccisi in una giornata, ma soprattutto un numero impressionante di danni alle infrastrutture ad uso civile.
Nello Yemen il conflitto continua, nonostante la tregua teoricamente in vigore e i negoziati che, pur senza esito finora, riprenderanno a metà gennaio.

A New York, l’Alto Commissario per i Diritti Umani al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha denunciato l’alto numero di civili colpiti:

Ho osservato con estrema preoccupazione la prosecuzione di pesanti bombardamenti da terra e cielo in zone ad alta concentrazione di civili, e anche la distruzione di infrastrutture ad uso civile, in particolare ospedali e scuole, da parte di tutti gli attori del conflitto, anche se una parte sproporzionata risulta essere effetto degli attacchi aerei della coalizione”.

La coalizione a guida saudita è scesa in campo circa nove mesi fa, per bloccare l’avanzata dei ribelli Houthi, che dopo aver rovesciato il presidente Abd Rabbo Mansour Hadi, oggi in esilio in Arabia Saudita, hanno preso il controllo di larga parte del territorio yemenita. Attaccati simultaneamente dai sauditi e paesi coalizzati, ma anche da movimenti sunniti come Al Qaida e dalle truppe lealiste, gli Houthi hanno da allora subito perdite pesanti, ma a pagare è soprattutto la popolazione civile, in un Paese che già era tra i più poveri al mondo. euronews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -