Obama fa la vittima “Trump mi attacca perché sono nero”

 

 

A quaranta giorni dall’inizio delle primarie, Obama si tuffa nella campagna elettorale e punta il dito contro Trump. Lo accusa di sfruttare le paure della gente (su questo si allinea al giudizio di Hillary Clinton), su cui fa presa il messaggio anti immigrati e anti islam. Ma va giù ancora più pesante Obama: è convinto che il disprezzo che Trump gli rivolge sia dettato dal fatto che lui è nero. Obama lo ha detto a chiare lettere in un’intervista alla National Public Radio, registrata giovedì scorso ma trasmessa ieri. Obama, dopo aver ricordato le difficoltà di certe fasce di lavoratori (i colletti blu) e il fatto che “Trump ne stia traendo vantaggio, ecco ciò che sta sfruttando durante la sua campagna elettorale”.

obama

Poi si è soffermato sugli attacchi contro di lui, aggiungendo che “parti specifiche del partito repubblicano suggeriscono che io sia in qualche modo diverso, musulmano, infedele verso il Paese”. E ha ca concluso: “Credo sia qualcosa di molto specifico contro di me, chi sono e la mia origine“, perché “in qualche modo potrei rappresentare il cambiamento che li preoccupa”. [...]  il Giornale

 

 



   

 

 

1 Commento per “Obama fa la vittima “Trump mi attacca perché sono nero””

  1. Trump lo attacca perché non è affidabile, e sta combinando guai su guai in tutto il Mondo.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -