Allarme dall’Australia: Isis lavora per un califfato in Indonesia

 

Sydney – Stretto d’assedio in Siria ed in Iraq, oltre al ‘piano B’ in realizzazione in Libia a Sirte, Derna e Agedabia, Isis sta lavorando per creare un altro califfato nel Pacifico nello sterminato arcipelago indonesiano, il Paese con il maggior numero di musulmani al mondo: oltre 200 milioni.

isis-indonesia

A lanciare l’allarme è il governo australiano. Secondo il ministro della Giustizia George Brandis “Isis ha l’ambizione di incrementare la sua presenza e il livello delle sua attività in Indonesia, sia direttamente che attraverso ‘affiliati’”, riferimento alle formazioni jihadiste già presenti nel Paese.

In un’intervista al quotidiano The Australian il ministro ha usato l’espressione “califfato distaccato” ossia “un Isis oltre il Medio oriente, che ha identificato l’Indonesia come luogo dove realizzare i suoi piani”. L’allarme del ministro australiano giunge poco dopo l’intervento della polizia di Giacarta che ha sventato una serie di attentati suicidi. Al termine di tre giorni di raid nell’isola di Java la polizia indonesiana ha sequestrato esplosivi e bandiere come quelle di Isis ed ha arrestato una cellula formata da 9 jihadisti. Gli obiettivi erano centri commerciali, commissariati e le minoranze religiose nel Paese. (AGI)


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -