Rapinatore albanese evade dal carcere minorile

Milano, albanese evade dal carcere minorile ‘scalando’ un muro di nove metri

CARCERIUn giovane albanese di 17 anni è evaso dal carcere minorile di Milano, Cesare Beccaria, dove si trovava per scontare una pena per rapina. L’episodio è avvenuto nella giornata di domenica tra le 9.15 e le 10.

Il ragazzo ha scalato con agilità il muro di nove metri, aiutato dal punto dove questo confina con un cancello, poi ha percorso la cima della parete fino a trovare un tetto per calarsi. Infine è svanito nel nulla. A dare la notizia è Marinella Rossi sulle pagine de Il Giorno.

Il giovane era al Beccaria da due mesi. Il fatto è avvenuto durante l’ora d’aria: una volta dato l’allarme, le ricerche si sono concentrate all’interno del muro di cinta perché l’impianto anti-scavalcamento non si era attivato. “Si è quindi perso moltissimo tempo – spiega il Sappe (sindacato polizia penitenziaria) in una nota – cercando nei vasti spazi non presidiati né dalle telecamere né dagli agenti”.

C’è di più. Scrive ancora il sindacato:

“L’unica telecamerache avrebbe potuto inquadrare l’effettiva fuga al di fuori delle mura, cioè quella del cancello d’ingresso, era disattivata da tempo“.

Un dettaglio imbarazzante per l’istituto di pena. V’è poi il sospetto che il 17enne possa essere stato aiutato da qualcuno all’interno, i compagni che hanno distratto le guardie, e da qualcuno all’esterno. Di certo il giorno prima aveva ricevuto la visita dei genitori e del fratello.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -