Terrorismo, domani inizia il processo contro il clan familiare di Fatima

 

Inizia a Milano il processo contro il clan familiare di Fatima, la prima foreign fighter italiana. Undici imputati per terrorismo internazionale. 5 di loro sono latitanti, tra questi la donna partita per combattere con l’Isis.

“Noi qui stiamo ammazzando i miscredenti per poter allargare lo Stato islamico… La terra dello Sham è ormai quasi tutta conquistata e il progetto del Califfato si concluderà con la conquista della Turchia, poi della Giordania infine di Roma, dove si svolgerà una grande battaglia… manca pochissimo”.

Sono le parole che Maria Giulia Sergio, giovane italiana di 28 anni da diversi anni convertita all’Islam dopo un primo matrimonio con un musulmano marocchino, pronuncia al telefono mentre parla con sua madre Assunta.

La giovane, che dopo la conversione all’Islam si fa chiamare Fatima, è considerata dagli inquirenti la prima foreign fighter italiana. “È il profeta che ha detto che a Roma ci sarà una grande battaglia – insiste – . Moriranno tantissimi mujaheddin. Tutto sta accadendo come ha detto il profeta, pace e benedizione su di lui”.

La ragazza, che da settembre 2014 si è arruolata insieme con il nuovo marito albanese tra le fila dell’Isis, cerca di convincere la mamma e tutta la famiglia Sergio a partire alla volta dello Stato Islamico, tra la Siria e l’Iraq. Un’opera portata avanti da mesi e con estrema determinazione, secondo quanto hanno scoperto gli inquirenti.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -