Rivolta di Roana: i presunti profughi arrestati sono già tutti liberi

 

Hanno patteggiato otto mesi di reclusione i nove presunti profughi finiti in arresto dopo le proteste di Roana, la pena è stata sospesa. Per loro le manette erano scattate dopo i tafferugli avvenuti tra alcuni dei richiedenti asilo ospitati in una struttura alberghiera dell’altopiano e i carabinieri intervenuti per sedare la rivolta. Roana, scontro tra profughi e carabinieri: nove in arresto.

I dipendenti della cooperativa che gestisce l’ospitalità dei migranti sono stati prima insultati e poi minacciati, rendendo necessario l’intervento dei carabinieri. Sul posto sono arrivate 15 pattuglie con una trentina di uomini, ma la protesta dì non è cessata sfociando in uno scontro tra migranti e militari. In nove sono finiti in manette.

Come riportato sulle pagine de Il Giornale di Vicenza, durante il processo per direttissima, i nove migranti, tutti provenienti dal Gambia, si sono detti pentiti. Davanti al giudice hanno dichiarato: “Ci scusiamo per il nostro comportamento, vogliamo imparare l’italiano e restare qui”.

Nei loro confronti, oltre alla pena detentitiva, è scattato un decreto di allontanamento. Tuttavia i migranti non potranno essere rimandati nel loro Paese di origine, almeno fino a quando la loro richiesta per l’asilo politico non sarà ultimata. Sebbene nessuno di loro avesse dei precedenti, questa condanna peserà sulla possibilità di avere il permesso di soggiorno.

vicenzatoday.it



   

 

 

1 Commento per “Rivolta di Roana: i presunti profughi arrestati sono già tutti liberi”

  1. Viva la Repubblica delle Bananas, viva i Politici dei PDIOTI, questi IxxxxxI ci vogliono morti, se era un cittadino Italiano col ca22olo facevano uscire, è Allucinante quello che sta succedendo.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -