Picchia, violenta e rapina una prostituta: arrestato pregiudicato marocchino

Ha picchiato, violentato e rapinato una prostituta ucraina venticinquenne. Per questo la scorsa notte i carabinieri hanno arrestato a Como un 31enne di origine marocchina. L’uomo, pregiudicato per reati specifici, ha abbordato la ragazza in strada, sulla novedratese e, dopo aver contrattato il prezzo per una prestazione sessuale, l’ha fatta salire a bordo della sua auto. Una volta appartati, però, il 31enne ha colpito la giovane a pugni e l’ha costretta ad avere un rapporto sessuale. Quindi l’ha scaraventata fuori dall’auto, trattenendo la borsa nella quale la ragazza custodiva, oltre al denaro, il telefono cellulare e i documenti. Un passante, notata la scena, ha soccorso la vittima e ha chiamato i carabinieri, fornendo alcuni numeri della targa e indicando la direzione presa dall’auto dell’uomo.

I militari della compagnia di Cantù, effettuati alcuni accertamenti, sono riusciti a risalire all’identità dell’uomo e a raggiungerlo nella sua abitazione, dove è stato trovato in compagnia della moglie e del figlioletto appena nato. In casa è stata trovata la borsa della prostituta, completa del suo contenuto. L’uomo è stato arrestato e trasferito nel carcere Bassone di Como. La vittima è stata trasferita all’ospedale di Cantù, dove è stata medicata e dimessa con alcuni giorni di prognosi.

Adnkronos


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

Fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -