Il cugino di Gheddafi: 12 barili di gas sarin in mano all’isis

 

Il sedicente Stato islamico (Is) sarebbe riuscito a mettere le mani sulle armi chimiche, nascoste in depositi sotterranei in Libia. A lanciare l’allarme è stato il cugino del defunto colonnello Muammar Gheddafi, Ahmed Gaddafi al-Dam, in un’intervista a ‘Russia Today’.  VIDEO

CUGINO-GHEDDAFI

L’Is è riuscito a scoprire alcuni dei depositi sotterranei segreti nascosti nel deserto in cui ancora erano stoccate armi chimiche. Purtroppo (questi depositi, ndr.) non erano custoditi adeguatamente“, ha affermato il cugino dell’ex dittatore.

Secondo al-Dam, tra i responsabili della sicurezza ai tempi del regime, “ci sono già stati due casi noti di furto di agenti chimici. Lo so da mie fonti a Tripoli. Nel primo caso sono stati rubati sette barili di sarin, nel secondo credo cinque“. Il cugino di Gheddafi ha quindi precisato che questi gas sarebbero stati trasferiti nel nord del Paese e venduti. adnkronos

 


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

Fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -