Il Comune di Firenze svende Palazzo Gerini per 5 milioni di euro

 

Via libera del consiglio comunale di Firenze all’alienazione alla Cassa Depositi e Prestiti dello storico Palazzo Gerini, circa 2500 metri quadrati nel centro della città. L’incasso atteso dalla vendita è di almeno 5 milioni di euro. La delibera, approvata con 21 voti a favore (Pd) e 12 contrari (tutte le opposizioni), è stata illustrata oggi in Consiglio comunale dall’assessore al patrimonio immobiliare Federico Gianassi.

Palazzo_gerini

“Con questa delibera portiamo a termine una operazione molto importante. Da un lato incasseremo almeno 5 milioni di euro da destinare ad importanti investimenti per le scuole, la mobilità, il verde e lo sport; dall’altro vengono mantenute la proprietà pubblica e la destinazione attuale, confermando il contratto di affitto a Indire che quindi potrà continuare la sua attività fino alla scadenza fissata nel 2023. È quindi una soluzione ottimale, che ha anche il via libera della Soprintendenza, necessario perché si tratta di un bene di interesse culturale”.

L’assessore Gianassi ha spiegato anche la procedura attivata per l’alienazione a Cassa Depositi e Prestiti di Palazzo Gerini. Sulla base della normativa del 2005, a fine marzo il ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato al Comune di aver avviato la procedura per la vendita, entro il 2015, di immobili precedentemente valutati dall’Agenzia del Demanio. Critiche sono arrivate dal consigliere comunale Tommaso Grassi si Sel secondo cui “il Comune di Firenze svende Palazzo Gerini. Il nostro voto non può essere che contrario. Non possiamo regalare il nostro patrimonio pubblico“. “Esattamente come due anni fa, l’amministrazione comunale arriva a 15 giorni dalla fine dell’anno solare, si rende conto di essere in deficit e, per pareggiare il bilancio, mette in vendita un pezzo di città a prezzo decisamente scontato”, rileva il capogruppo di FdI-An, Francesco Torselli.(ANSA).

 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

Fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -