Imprenditori italiani in Russia scrivono alla UE: via le sanzioni

SANZIONI-RUSSIA

Gim-Unimpresa – l’associazione che raccoglie gli imprenditori italiani a Mosca – rivolge un appello al Presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk e all’Alto Rappresentante per la Politica Estera e la Sicurezza (PESC) Federica Mogherini per sottolineare “l’impellente necessità di mettere fine all’attuale regime delle sanzioni contro la Federazione Russa”. Secondo Gim, oltre a un danno economico pari a circa “100 miliardi di euro”, le sanzioni hanno provocato una “significativa perdita di fiducia da parte russa nei confronti dei nostri paesi e delle istituzioni europee”.

“Questa perdita di fiducia – si legge nella lettera – rischia sempre più d’impoverire i rapporti sviluppati in questi ultimi vent’anni”. “Quello che ci preme sottolineare – nota Gim – è la totale mancanza di visione strategica da parte europea nei confronti della Russia. Prova ne sia il fatto che le trattative per il rinnovo del Patto di Cooperazione strategica tra la UE e la Russia sono ferme, per dichiarata volontà europea, da ormai otto anni, ovvero molto prima delle vicende ucraine”.

L’associazione degli imprenditori italiani a Mosca ricorda poi che “sul piano economico il rapporto con la Federazione Russa costituisce una delle voci più importanti dell’Europa nel quadro internazionale (8% dell’export e 13% dell’import)” e che è sempre maggiore il numero di aziende europee impegnate “in importanti investimenti industriali in questo paese”.

“Anche alla luce di questi fatti – chiosa – ci permettiamo di ribadire la necessità che, superato il regime delle sanzioni, venga avviato un serrato confronto con la Federazione Russa per dare maggiore incisività ai rapporti sia politici che economici, nell’interesse dei nostri paesi e delle nostre aziende”. ANSA

 


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

Fai una donazione con PayPal





   

 

 

1 Commento per “Imprenditori italiani in Russia scrivono alla UE: via le sanzioni”

  1. Ma come vi salta in mente, scrivere all’UE o addirittura alla Moncherini, dovevate scrivere a chi sono i mandanti di questo sfacelo che ci è costato solo nell’Emilia oltre 1000 fabbriche chiuse con dietro gli operai alla fame, mentre la Merkel fa affari con la Russia sul gasdotto, dovevate scrivere agli USA sono loro che dirigono l’orchestra e i nostri Politici eseguono alla pecorina.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -