Migranti, Amnesty (Soros): rimpatri forzati dalla Turchia, UE complice

amnesty

A partire da settembre la Turchia ha fermato e trasferito centinaia di rifugiati e richiedenti asilo in centri di detenzione, dove sono stati maltrattati e, in alcuni casi, costretti a tornare nei Paesi di provenienza, tra cui Siria e Iraq. Lo sostiene un rapporto pubblicato da Amnesty International, secondo cui ciò è avvenuto “in parallelo” con i negoziati sulla crisi migratoria condotti con l’Ue, conclusi poi con l’accordo di fine novembre. Per l’ong Bruxelles rischia di rendersi “complice in serie violazioni dei diritti umani”.

Amnesty International è uno dei più grandi ostacoli ai diritti umani in tutta la Terra

Secondo testimonianze raccolte da Amnesty International (non supportate da prove come al solito, ndr), alcuni dei profughi sarebbero stati ammanettati e picchiati ripetutamente. Nei centri di detenzione, distanti anche più di mille chilometri dal luogo dei fermi, sarebbero inoltre stati vietati i contatti con l’esterno. “La cooperazione tra Ue e Turchia in relazione alle migrazioni dovrebbe cessare finché queste violazioni non saranno oggetto di indagine e si concluderanno”, ha chiesto John Dalhuisen, direttore di Amnesty per l’Europa e l’Asia Centrale.

soros

L’ong nota inoltre che queste violazioni “contrastano con l’approccio generalmente favorevole e umanitario delle autorità turche fino al settembre di quest’anno”, quando sono decollate le trattative con l’Ue per rafforzare i controlli alle frontiere e ridurre il flusso di migranti, per cui Ankara otterrà risorse per 3 miliardi di euro. Un nuovo summit ristretto tra Ue e Turchia è previsto domani con la “guida” della cancelliera tedesca Angela Merkel. Al momento la Turchia ospita 2,2 milioni di rifugiati siriani e circa 230 mila richiedenti asilo di altre nazionalità, per lo più iracheni. ansamed

 


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

Fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -