L’inferno delle donne yazide, sottoterra nelle prigioni dell’Isis

Fotografie scioccanti mostrano gli angusti spazi soffocanti dove dozzine di donne yazide erano intrappolate sottoterra in una prigione dell’ISIS, costrette a vivere per tutto il tempo al buio sotto la sabbia; mangiare, bere e dormire nelle loro piccole celle.

Sulle pareti delle celle sono stati trovati dei semplici disegni, scene di vita quotidiana, probabilmente fatti dalle prigioniere nei momenti in cui forse trapelava un po’ di luce.

Non è ancora noto che cosa sia accaduto dopo alle donne o dove potrebbero essere ora.

Gravi violazioni dei diritti umani, orribili vengono commessi ogni giorno da ISIL e dai gruppi armati associati.

La scoperta orribile della prigione è solo l’ultima rivelazione della brutale campagna di massacri, stupri e schiavitù condotta da ISIS contro il popolo di minoranza yazida.

ISIS ha conquistato Sinjar, in Iraq, nel mese di agosto 2014 e ha iniziato a perseguitare il popolo degli yazidi, che costituisce la maggior parte dei suoi abitanti, comprese donne e bambini, in base alla loro etnia, appartenenza religiosa o settaria. I jihadisti hanno spietatamente portato avanti la pulizia etnica e religiosa nelle aree sotto il loro controllo.’

Diverse fosse comuni, contenenti centinaia di corpi che si ritiene siano yazidi, sono state scoperte in tutto il paese.

—————————-

 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

Fai una donazione con PayPal
 





   

 

 

1 Commento per “L’inferno delle donne yazide, sottoterra nelle prigioni dell’Isis”

  1. Speriamo che ci sia Allah.
    E che faccia giustizia….

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -