Referendum, la Danimarca dice No a una maggiore integrazione nella UE

Nel referendum per una maggiore integrazione ai programmi di sicurezza dell’Unione Europea la maggioranza dei danesi vota no. Si temono ripercussioni sull’eventuale Brexit.

elezioni-UE

Con il 53% dei voti contrari la Danimarca ha deciso di mantenere intatte le eccezioni al Trattato di Maastricht negoziate nel 1993 dal governo danese, dicendo no ad una maggiore integrazione nei programmi di sicurezza dell’Unione Europea.

E’ questo l’esito del referendum proposto dal governo danese di centrodestra che aveva formulato una serie di quesiti per un avvicinamento della Danimarca all’Ue, chiedendo di abbandonare alcune delle cosiddette opt out, quelle clausole che nel 1993 erano state poste alla base dell’adesione all’Unione. La conferma di queste opzioni, come il rifiuto ad adottare le regole UE in materia di sicurezza e Affari interni, rischia di far uscire il Paese dall’Europol.

Il premier Lars Lokke Rasmussen, che era stato il primo sostenitore dei quesiti referendari, ha ammesso la “sconfitta” dicendo di rispettare la decisione dei cittadini danesi. Sulle ragioni del premier, che aveva spinto per una omolagazione all’UE in tema di sicurezza per un più efficace contrasto al fenomeno migratorio, hanno prevalso quelle dei populisti cosiddetti “No Camp”, che ha sostenuto la tesi del no per non dare troppo potere a Bruxelles, esponendo il Paese al rischio di maggiori flussi di migranti.

it.sputniknews.com



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -