Polonia: la manovalanza pro-UE scende in piazza contro Duda

 

Migliaia di persone sono scese in piazza, rispondendo alla chiamata del partito di governo polacco Diritto e Giustizia(Pis) di Jaroslaw Kaczynski, all’indomani delle manifestazioni dell’opposizione in varie città del paese. Il partito è una nuova piattaforma raccogliticcia, nata proprio dopo l’elezione di Duda, alla quale hanno aderito anche vari partiti d’opposizione, tutti rigorosamente pro-UE.

polonia

Prendendo la parola davanti ai manifestanti, il leader della destra Kaczynski ha detto che il suo partito progetta una profonda riforma della Polonia, cosa che l’opposizione tenta di impedire. L’oggetto dello scontro è la volontà del governo di nominare propri uomini nella Corte Costituzionale.

L’opposizione afferma teoricamente di rispettare l’esito delle elezioni del 25 ottobre, ma respinge il tentativo della “maggioranza parlamentare di comportarsi come una dittatura”. Ridicoli.

In Europa, dove c’è davvero rimasto poco di democratico, funziona così: se va al governo un partito contrario alla UE, immediatamente le piazze vengono invase da un esercito di gente manipolata, spesso inconsapevole. Basta guardare il video

 



   

 

 

1 Commento per “Polonia: la manovalanza pro-UE scende in piazza contro Duda”

  1. “se va al governo un partito contrario alla UE, immediatamente le piazze vengono invase da un esercito di gente manipolata, spesso inconsapevole”. La sintesi fatta bene. La Polonia ed Ungheria sono gia svegliate, adesso aspettiamo l’Italia ed altri paesi europei. Noi europei dobbiamo difendere i valori culturali e la nostra identita’ europea

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -