Petrolchimico Gela: centinaia di lavoratori a rischio licenziamento, appello al governo

La protesta dei lavoratori del petrolchimico di Gela è riesplosa dopo che 68 addetti della dell’impresa ‘Elettroclima’ e quattro della ‘Nuova X Gamma’ hanno ricevuto le lettere di licenziamento e con la contemporanea messa in cassa integrazione dei lavoratori della ‘Sudelettre’ e della ‘Smim Impianti’.

gela-raffineria

I cancelli della fabbrica, ferma da due anni, sono stati bloccati dal personale della raffineria per protestare contro i nuovi licenziamenti e per il mancato rispetto degli accordi sottoscritti nel protocollo d’intesa firmato nel novembre del 2014. In quell’occasione l’Eni si era impegnata ad investire 2,2 miliardi di euro per la riconversione, entro il 2017, dello stabilimento in ‘green refinery’ e per effettuare la ricerca di nuovi giacimenti di gas e petroli in Sicilia.

Ad oggi nulla è stato fatto, anzi l’apertura di dieci cantieri di lavoro prevista dall’accordo stipulato tra l’azienda, il Governo ed i rappresentanti dei lavoratori, non è ancora avvenuta. Intanto, a fine dicembre per centinaia di lavoratori dell’indotto scadrà la cassa integrazione in deroga garantita dal Governo regionale e per molti di essi si profila il licenziamento se non riprenderanno le attività lavorative della raffineria.

Il sindaco di Gela, Domenico Messinese, impegnato in tutti i tavoli di trattativa, ha avanzato il sospetto che l’Eni non voglia rispettare gli impegni presi ed ha lanciato, su facebook, un accorato appello all’azienda ed al Governo: ‘Nessuno deve rimanere indietro!! Gela si merita un futuro migliore, prospero e dignitoso per tutti i cittadini. Non vi lasciamo soli!’.

di Giovanni Pulvino  –  TISCALI



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -