Giornalista 81enne invalido al 100% ai domiciliari per diffamazione

 

Reggio Calabria – Il giornalista Francesco Gangemi (direttore del mensile “Dibattito News”), 81 anni, è agli arresti domiciliari per diffamazione a mezzo stampa e per non avere rivelato le fonti fiduciarie delle notizie. Gangemi e’ stato arrestato dalla squadra mobile di Reggio Calabria che ha eseguito un’ordinanza emessa dal tribunale di sorveglianza di Catania per un cumulo di pene a 2 anni 11 mesi e 16 giorni di reclusione.

“Quando la legge sconfina nella barbarie. O precipita nel ridicolo”, ha scritto in una nota il presidente dell’Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino, “con il suo arresto l’Italia è più al sicuro. Il Giubileo si svolgerà in tutta tranquillità. Potrà essere organizzata senza preoccupazioni una nuova “prima” alla Scala e così seguitando. Sì, la legge a volte diventa barbara. E molte altre precipita nel ridicolo”, ha sottolineato Iacopino.

“Due anni dopo l’allucinante arresto che, all’eta’ di 79 anni, l’aveva portato dietro le sbarre, sollevando l’indignazione del Paese e la sospensione del provvedimento, la storia si ripete”, ha commentato Carlo Parisi, segretario generale aggiunto della Fnsi e segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria. “Stavolta gli e’ stata risparmiata l’umiliazione della galera, ma imposto comunque l’obbligo di espiazione della pena agli arresti domiciliari. A quasi 82 anni, invalido al 100% e dopo aver recentemente subito un delicato intervento chirurgico al cuore, una nuova, pesante tegola si abbatte, dunque, sul giornalista. Nell’auspicare una revisione del provvedimento cautelare, ispirata a criteri di vera giustizia e umanita’”.

Parisi ha rinnovato “al Parlamento l’appello per riformare con urgenza la legge sulla diffamazione a mezzo stampa e al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di valutare le possibilità di un intervento che, considerata l’età e le condizioni di salute del giornalista, eviti a Gangemi la privazione della libertà personale per reati compiuti nell’esercizio della professione giornalistica”. (AGI)

(12 dicembre 2015)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -