«Carlo Giuliani feccia di strada», l’ex pm Bobbio rinviato a giudizio

giuliani

Giuliano ed Heidi Giuliani, genitori di Carlo – morto a luglio 2001  nel corso degli scontri che caratterizzarono la manifestazione del G8 a Genova, mentre impugnava un estintore e lo rivolgeva contro il defender blindato dei militari – sfidano al tribunale di Torre Annunziata il magistrato Luigi Bobbio.

Come scrive il Corriere, Bobbio è imputato ed i coniugi Giuliani sono parte offesa nel processo scaturito da un commento che il magistrato ha scritto sulla sua pagina Facebook il 28 luglio 2014. “Giuliani – questo il testo letterale del post – era una feccia di teppista di strada”. Il 12 settembre, rincarò la dose, sempre sul suo profilo Facebook: «Credo che la definizione calzi a pennello!O no? Se poi non ci si può più esprimere in corretto italiano….». Aggiunse un collegamento ipertestuale al termine Feccia, così come è descritto sul dizionario on line del Corriere della Sera.
I genitori di Carlo lo querelarono prontamente. A febbraio 2015 il pubblico ministero Francesco De Tommasi ha disposto la citazione a giudizio dell’ex senatore.

Non è la prima volta che i genitori di carlo si rivolgono  ad un tribunale, per “tutelare la memoria del figlio”. Lo avevano già fatto con Alessandro Sallusti, il direttore de Il Giornale e gli andò benissimo.  Sallusti versò 35.000 euro per evitare il processo.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -