Agrigento: 11 arresti all’Agenzia delle Entrate

agenzia-entrate

Con le accuse di corruzione, truffa aggravata ai danni dello Stato, abuso d’ufficio e assenteismo la Guardia di Finanza di Agrigento con l’operazione “Duty Free” ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 15 persone, che prevede 11 arresti (quattro in carcere e sette ai domiciliari), due interdizioni temporanee dell’esercizio della professione medica, due obblighi di presentazione alla P.g.

Tra gli arrestati ci sono il direttore provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Agrigento (Pietro Pasquale Leto, ai domiciliari) e quattro funzionari dello stesso ente (tre in carcere e uno ai domiciliari). Ai domiciliari anche l’imprenditore Marco Campione, presidente di “Girgenti Acque”, il gestore del servizio idrico integrato dei comuni della provincia di Agrigento. Coinvolti anche altri due imprenditori, un commercialista e due medici (sottoposti al divieto temporaneo di esercizio della professione per otto e sei mesi).

Gli inquirenti hanno fatto luce su un giro di tangenti e favori finalizzati all’annullamento o alla cancellazione di avvisi di accertamento, verifiche fiscali e pagamento di imposte, “insabbiamento” di accertamenti induttivi su verbali già elevati. Tra gli illeciti vantaggi per il gruppo c’erano impiegi per parenti presso società favorite, false attestazione di frequenza di corsi on-line; false attestazioni di fruizione di pasti; sponsorizzazioni ad associazioni “amiche” e generi alimentari. ASKANEWS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -