Aeronautica, appalti truccati e coop rosse: 11 arresti

ultimo

Il blitz dei militari del Noe del colonnello Sergio De Caprio – Otto persone sono state arrestate dai carabinieri del Noe per tangenti per l’aggiudicazione di appalti all’interno di diverse basi dell’Aeronautica militare. Imprenditori, dipendenti civili e militari del 2° Reparto Lavori Genio dell’Aeronautica militare di Ciampino, attraverso un “consolidato sistema corruttivo” avrebbero “sistematicamente alterato le gare d’appalto, per un valore di quasi nove milioni di euro”.

L’imprenditore Giovanni Sabetti capo di un sodalizio criminale – Le indagini coordinate dalla Procura di Velletri, hanno consentito di ricostruire “l’alterazione di almeno nove gare di appalto, tutte riguardanti opere di manutenzione ordinaria o straordinaria di edifici adibiti a vari usi ed ubicati presso diverse installazioni dell’Aeronautica militare”. Le basi interessate sono quelle di Capodichino, Centocelle, Pratica di Mare, Vigna di Valle e Guidonia. Si tratta di appalti per un valore complessivo di quasi nove milioni di euro, assegnati a varie società collegate all’intermediario Giovanni Sabetti, uno degli arrestati, ubicate nelle province di Roma e Latina.

La banda degli appalti truccati – La Procura sottolinea come l’indagine, sviluppata dal settembre 2014 al novembre 2015, abbia permesso, “grazie a prolungate intercettazioni ambientali e telefoniche e all’installazione di dispositivi di registrazione audio-video negli uffici interessati, di delineare compiutamente l’operatività dell’associazione” per delinquere, “capeggiata da Giovanni Sabetti e a cui aderiscono il tenente colonnello dell’Aeronautica Militare Gianpiero Malzone, gli impiegati civili presso il 2/o Reparto Lavori Genio dell’Aeronautica Militare di Ciampino, Fabrizio Ciferri e Stefano Pasqualini, la compagna del Ciferri, Angelica Mariana Ruscior, e l’imprenditore Massimiliano Ciceroni”.

Giovanni Sabetti era già conosciuto alle forze dell’ordine – L’intermediario Giovanni Sabetti era il promotore di un sodalizio, formato da dipendenti infedeli del Ministero della Difesa e da imprenditori che, con pervicace sistematicità, ha permesso l’assegnazione in modo illecito di appalti all’interno di strutture militari. Il nome di Sabetti era già comparso in altre inchieste su appalti truccati in Finmeccanica.

Dipendente corrotto si nascondeva nel bagagliaio dell’auto di un capitano – Un dipendente della Difesa sarebbe stato l’autore dell’alterazione delle gare d’appalto finite nel mirino del Noe: “decine di volte” sarebbe penetrato nell’ufficio dove le buste erano chiuse in cassaforte e ne avrebbe manipolato il contenuto. Per uscire dalla base di Ciampino senza dare nell’occhio avrebbe coinvolto un capitano che l’avrebbe nascosto nel bagagliaio dell’auto.

Perquisizioni eseguite in varie città - Il blitz dei militari del Noe del colonnello Sergio De Caprio, il Capitano Ultimo che arrestò Totò Riina, è scattato all’alba, in collaborazione con il comando carabinieri per l’Aeronautica militare e i comandi provinciali dell’Arma di Roma e Latina. Numerose le perquisizioni eseguite in diverse città. L’operazione è stata coordinata dalla Procura di Velletri.

Indagine parte dall’inchiesta napoletana sulla Cpl Concordia – L’inchiesta della Procura di Velletri e dei carabinieri del Noe è partita da quella condotta dalla procura di Napoli (pm Woodcock, Carrano e Loreto) sulla Cpl Concordia, la cooperativa modenese al centro di un sistema corruttivo messo in piedi da alcuni suoi vertici. Proprio dai dialoghi tra alcuni dirigenti della Cpl Concordia, interessati nel 2014 alle opere di efficientamento energetico dell’aeroporto militare di Pratica di Mare, emerge infatti la figura dell’intermediario di Avezzano Giovanni Sabetti.  tgcom24



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

urss Uno dei principi cardine del globalismo elitario è: fine dei confini e delle nazioni
Aprire i confini, lasciare che i territori nazionali siano inondati da migranti. “sostituire le popolazioni”, flussi di gente che non ha la minima intenzione di accettare costumi e stili di vita in voga nelle loro nuove case.

separator

papa-francesco-e-benedetto-xvi

Nel 2005 Bergoglio attaccava Benedetto XVI per le dichiarazioni sull’islam
Nel 2005, quando Papa Benedetto XVI, citando un testo medievale,  ha dichiarato che il profeta Maometto, fondatore della fede islamica, è stato “cattivo e disumano”, ha fatto infuriare la popolazione musulmana.
..

mogheriniLe pericolose frequentazioni di Federica Mogherini
«E poi quando mi dicono che la Mogherini è inesperta gli dico di chiedere cosa ne pensa Kerry». Quando il presidente del consiglio Matteo Renzi rispose in questo modo durante una conferenza stampa in tanti pernsarono a una richiesta di referenze rivolta al segretario di Stato Usa. In realtà c’era di più

crolloRipresa Usa? Bugie: le statistiche sono truccate. Gli Usa sono in recessione costante
Ci raccontano che l’America di Obama ha superato la crisi del 2008 crescendo del 4,6% all’anno? Falso: ricalcolando i dati senza i filtri convenzionali delle statistiche, dice Giuseppe Masala, scopriamo che anche gli Usa sono in recessione costante

separator

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -