Salva banche, pensionato suicida: Banca Etruria potrebbe denunciare la vedova

boschi

“Un dolore tremendo dopo 51 anni di matrimonio”. Raggiunta telefonicamente da Repubblica la signora Lidia D’Angelo, vedova del pensionato che s’è tolto la vita per il crac di Banca Etruria, è distrutta dal dolore, ma dice anche di avere paura.

Di cosa? “Della controdenuncia di Banca Etruria. In commissariato mi hanno consigliato cautela. La lettera di mio marito era nel suo computer, l’hanno trovata loro. Ma non è firmata e la banca potrebbe dire che l’ho scritta io che non so neanche come si accende il computer”. Nella lettera, riporta sempre Repubblica, è raccontato per filo e per segno il calvario di Luigino D’Angelo.

“Oltre al nome del direttore di filiale e dell’addetto titoli, le persone che Luigino denuncia per comportamento scorretto e criminale” denuncia la vedova. Insomma un vero e proprio calvario quello della signora Lidia che oltre al danno potrebbe subire una tremenda beffa.    il Giornale



   

 

 

3 Commenti per “Salva banche, pensionato suicida: Banca Etruria potrebbe denunciare la vedova”

  1. la follia di questa nazione è ormai irreversibile.

  2. La Sig.ra, a cui porgo Sentite Condglianze lo faccia sapere se accade quanto preventivato, ci penserà il Popolo a renderle giustizia facendo della banca un cumulo di rovine.

    Stessa sorte si profila per Direttore e merde al seguito.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -