Romeno muore mentre ruba dal cassonetto: la famiglia chiede i danni

 

MILANO – Due anni fa, suo padre morì mentre cercava di rubare dentro un cassonetto a San Donato Milanese. L’uomo, un cittadino di origini romene, era insieme ad almeno un complice che, quando il cassonetto lo aveva schiacciato, uccidendolo, era fuggito senza prestare aiuto né allertare i soccorsi. Ora, il figlio del ladro ha chiesto un risarcimento danni al comune e all’azienda lecchese che produce quel cassonetto.

rom-cassonetti

Roberto Ardenghi, titolare della ditta, ha infatti ricevuto una lettera dal legale della famiglia romena, che chiede soldi per non intraprendere le vie giudiziarie. Secondo i familiari del ladro morto, racconta Il Giorno, la responsabilità del decesso sarebbe almeno in parte attribuibile ai cassonetti, che – come mostrato dalle indagini dei carabinieri subito dopo il tragico incidente – avevano tutti i certificati Ce e i coperchi a chiusura idraulica assolutamente regolari e funzionanti.

Ad uccidere il ladro, con ogni probabilità, era stato proprio il coperchio di uno dei cassoni, che – dopo essere stato manomesso – si era staccato e lo aveva schiacciato. L’azienda lecchese non era mai stata tirata in ballo dagli inquirenti, che evidentemente non avevano ravvisato irregolarità, ma è ora pronta a una battaglia legale con la famiglia della vittima, che aveva già chiesto i danni anche al comune di San Donato Milanese, responsabile della piattaforma ecologica.

“La cosa incredibile – dice l’imprenditore a Il Giorno – è che l’assicurazione sarebbe disposta a riconoscere un risarcimento per non aprire una vertenza giudiziaria. Io dico no a questa scelta, anche se economicamente non graverebbe sulla mia azienda. Possiamo essere tutti dispiaciuti per la morte di questa persona, ma non è tollerabile che si dia spazio per lucrare su un evento di questo tipo cercando di attribuire le colpe e le responsabilità in maniera impropria”. (da MilanoToday)

today.it



   

 

 

1 Commento per “Romeno muore mentre ruba dal cassonetto: la famiglia chiede i danni”

  1. Solo in un paese come il nostro è possibile avere queste notizie!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -