Identificazione migranti, procedura della UE contro l’Italia

 

La Commissione Ue intende aprire una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia e di altri Paesi per non aver raccolto e inserito nel sistema Eurodac le impronte digitali dei migranti richiedenti asilo. Lo si è appreso a Bruxelles.

La procedura, salvo ripensamenti dell’ultimo minuto, sarà aperta giovedì prossimo. ansa

Identificare i rifugiati, dice la Ue. Ma la legge vieta di prendere le impronte digitali con la forza

Lampedusa: corteo dei migranti contro l’identificazione

Lampedusa: 50 eritrei protestano in strada “no all’identificazione”

Rovigo “sciopero delle impronte”, clandestini rifiutano di farsi identificare

Clandestini rifiutano l’identificazione, 4 agenti in ospedale



   

 

 

2 Commenti per “Identificazione migranti, procedura della UE contro l’Italia”

  1. Non si vogliono far identificare in quanto sono tutti avanzi di galera?

  2. Il falso buonismo dell’Italia…. ove il clandestino fa quello che vuole e resta impunito e l’onesto cittadino regolarizzato sia italiano o immigrato paga dazio.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -