Identificazione migranti, procedura della UE contro l’Italia

 

La Commissione Ue intende aprire una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia e di altri Paesi per non aver raccolto e inserito nel sistema Eurodac le impronte digitali dei migranti richiedenti asilo. Lo si è appreso a Bruxelles.

La procedura, salvo ripensamenti dell’ultimo minuto, sarà aperta giovedì prossimo. ansa

Identificare i rifugiati, dice la Ue. Ma la legge vieta di prendere le impronte digitali con la forza

Lampedusa: corteo dei migranti contro l’identificazione

Lampedusa: 50 eritrei protestano in strada “no all’identificazione”

Rovigo “sciopero delle impronte”, clandestini rifiutano di farsi identificare

Clandestini rifiutano l’identificazione, 4 agenti in ospedale

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Identificazione migranti, procedura della UE contro l’Italia”

  1. Il falso buonismo dell’Italia…. ove il clandestino fa quello che vuole e resta impunito e l’onesto cittadino regolarizzato sia italiano o immigrato paga dazio.

  2. Non si vogliono far identificare in quanto sono tutti avanzi di galera?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -