I progetti dello Stato ISLAMICO, il Guardian svela un documento

 

Non un’orda di miliziani fanatici, ma un’organizzazione che punta alla creazione di un vero e proprio Stato, con una struttura burocratica, un’economia indipendente e una politica estera. E’ questa l’immagine che esce dell’Isis da un documento programmatico di cui il quotidiano britannico Guardian è entrato in possesso.

isis-derna-libia

Il documento di 24 pagine, intitolato ‘Principi di amministrazione dello Stato islamico’, è stato redatto da un egiziano identificato come Abu Abdullah tra il luglio e l’ottobre del 2014, dopo che, in giugno, Abu Bakr al Baghdadi aveva annunciato da Mosul la nascita del ‘Califfato’ nei territori conquistati in Siria e Iraq. Il Guardian dice di averlo ricevuto da Aymenn al Tamimi, uno studioso del fenomeno Isis che a sua volta lo ha ricevuto da un uomo d’affari, di cui non è resta nota l’identità, che lavora con lo Stato islamico.

Isis ha aperto il primo consolato in Turchia >>>

I camion dell’Isis che vendono petrolio, secondo gli USA, sono obiettivi civili >>>>

Il programma prevede la creazione di dipartimenti governativi, di un’autorità con competenze sulle finanze, altre incaricate di sovrintendere alla propaganda, alla formazione dei combattenti – tra i quali anche bambini – e all’amministrazione centralizzata del petrolio e del gas estratto dai giacimenti sotto il controllo dell’organizzazione. Il dipartimento responsabile dei campi di addestramento, tra l’altro, dovrà organizzare corsi di aggiornamento anche per i combattenti più esperti, che comprenderanno lo studio delle “ultime novità sull’uso delle armi” e delle tecnologie impiegate dal nemico.

“Se l’Occidente guarda all’Isis come a una banda di killer psicopatici, rischiamo di sottovalutarli in modo drammatico”, ha detto, dopo aver preso visione del documento, il generale americano in pensione Stanley McChrystalm, impegnato tra il 2006 e il 2008 nella guerra americana contro il progenitore del ‘Califfato’, lo Stato islamico in Iraq, a sua volta nato da Al Qaida. Il programma dell’Isis, ha aggiunto l’ex alto ufficiale, “non è molto lontano dagli scritti di Mao e dalle pratiche dei Viet Minh in Indocina”.

Il generale britannico Graeme Lamb, ex capo delle forze speciali di Londra, sottolinea invece le parti del documento in cui l’Isis si presenta come l’unico vero rappresentante dei sunniti nella regione. Ne consegue, sottolinea Lamb, che la lotta contro lo Stato islamico “deve essere condotta dalle leadership arabe sunnite e i molti clan tribali di questa confessione”, mentre “l’Occidente e le altre fazioni religiose del Medio Oriente (gli sciiti, ndr) devono agire in funzioni di sostegno”. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -