UE, la Mogherini contro le riforme in Ruanda “poco democratiche”

Una revisione costituzionale che riguarda un solo individuo perde in “credibilita’”. E’ l’opinione dell’Unione europea a proposito della riforma della Costituzione del Ruanda adottata dal Parlamento e che permette al presidente Paul Kagame di ripresentarsi per le elezioni del 2017. Kagame governa il paese dal 1994.

mogherini

Pur riconoscendo il diritto “legittimo” di un paese a modificare la sua legge fondamentale, l’Unione europea sostiene, attraverso una nota del capo della diplomazia europea Federica Mogherini, che tutti i cambiamenti “che si applicano solamente a un individuo, attenuano la credibilita’ del processo di riforma costituzionale”.

La revisione costituzionale adottata il 17 novembre dal Parlamento ruandese, che non e’ ancora stata sottoposta a referendum, puo’ rendere piu’ “fragile il principio del cambiamento democratico – si legge nella nota – del governo” cosi’ come stabilito dall’articolo 23 della Carta africana della democrazia, delle elezioni e della governance. Questa e’ la prima volta che l’Unione europea prende una posizione cosi’ netta contro la riforma costituzionale ruandese.

La nuova Costituzione del Ruanda contiene un dispositivo che permette al presidente Kagame di ripresentarsi alle elezioni del 2017, cio’ che non gli permette il testo non riformato, e potenzialmente dirigere il paese fino al 2034. La riforma della Costituzione, che verra’ sottoposta a referendum (quindi sarà il popolo a decidere, contrariamente a quanto accade in Europa), fa passare da 7 a 5 anni il mandato presidenziale e limita a due i mandati, ma un articolo prevede che entrera’ in vigore durante un nuovo settennato transitorio, tra il 2017 e il 2024, e per questo il presidente in esercizio rimane eleggibile e puo’ ricandidarsi per i successivi due mandati quinquennali.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -