Nella Bologna di Merola (Pd) chi difende la sua proprietà dai Rom rischia la morte

rom-bologna

Una guerra che mi è costata dieci punti di sutura sulla testa”. Alessandro Lucia è un imprenditore bolognese di 35 anni. Da qualche mese si è gettato in una sfida che in molti gli avevano sconsigliato di intraprendere: sgomberare il campo nomadi sorto in un’area privata alla periferia di Bologna. E dargli nuova vita. Ad oggi ha rimediato tre aggressioni. In una di queste, un rom lo ha colpito in fronte con una mazza di ferro rischiando di spaccargli la testa.

“Rimarrà la cicatrice? Non importa – dice a ilGiornale on un articolo di Giuseppe de Lorenzo- voglio capiscano che questa non è casa loro”.

Guarda il video >>>>

L’ex consorzio agrario di via Mattei è un enorme struttura abbandonata da anni. L’assoluta incuranza dell’amministrazione Pd guidata dal sindaco Merola ha prodotto un mostro. I diversi capannoni erano occupati da nomadi, clandestini e spacciatori. Una pattumiera a cielo aperto, ricettacolo della refurtiva dei rom.Non c’è un negozio qui vicino – assicura Alessandro – che non abbia subito un furto. Non potevo più sopportare un simile degrado. Così ho deciso di agire”. Ha contattato allora la proprietà dell’immobile e dopo estenuanti trattative con il Comune ne è stato nominato custode giudiziario. “Quel giorno ho fatto una promessa: ripulire subito tutta l’immondizia accumulata”. E così è stato: in tre giorni ha già smistato 47 mila kg di rifiuti misti e riempito tre cassoni per ulteriori 15mila kg.

La vicenda di questo imprenditore, che vende articoli di sport da combattimento, dimostra che volere è davvero potere. “Quest’opera di recupero dovrebbero farla lo Stato o il Comune – aggiunge – invece hanno lasciato in mano a questi balordi una risorsa enorme”. Ora l’obiettivo è trasformarlo in un luogo di aggregazione: “Ci sono tutti i presupposti per realizzare la palestra per sport di combattimento più grande d’Europa”. Ad opporsi al progetto erano ovviamente gli inquilini abusivi. “Ho fatto otto mesi di appostamenti per pianificare lo sgombero – racconta – Sapevo quando rientravano la sera e a che ora uscivano la mattina per l’accattonaggio”. La settimana scorsa si è fatto coraggio. Con un gruppo di amici è entrato all’alba nell’accampamento e ha buttato giù tutto. Come la ruspa di Salvini, ma con le mani.

Da quel momento è iniziato il calvario. Nomadi, immigrati e spacciatori vogliono riprendere possesso dello stabile. Lui continua a presidiare l’area anche di notte. In pochi giorni lo hanno aggredito tre volte. La settimana scorsa l’episodio più violento: “Ero in sella allo scooter – racconta – e ho visto un gruppo di rom che stava accerchiando un mio amico”. Gli aggressori erano armati: spranghe, bastoni e massi. “Gli ho lanciato la moto addosso – continua – Mi hanno circondato, erano più di dieci. Uno di loro mi ha colpito sulla fronte con una spranga di ferro. Sono caduto a terra sanguinante. Con la coda dell’occhio ho visto un altro rom prendere un masso per spaccarmelo in testa. Sono riuscito a evitarlo d’istinto. Tanti anni di pugilato sono serviti: è stata la miglior schivata della mia vita. Altrimenti non sarei qui a raccontarlo”.

 



   

 

 

3 Commenti per “Nella Bologna di Merola (Pd) chi difende la sua proprietà dai Rom rischia la morte”

  1. Trovo che sia giusto che i bolognesi vivano nel letame, nella criminalità, l’hanno scelto loro, il coraggioso ed onesto Sig Alessandro fa parte di una minoranza, nella democratica Bologna la maggiornaza vince e se la maggiornaza vuole condurre la città al suicidio è giusto che sia così

  2. e un grande ma penso che resterà solo

  3. Il Sindaco dove sta questo ne è un altro che predica bene e razzolano male, i tutori dell’ordine i giudici questori dover sono che dicono di questo caso mi piacerebbe sapere fino a che punto siamo arrivati qui da alcuni anni e iniziata la Dittatura poiche chi delinque non succede nulla e chi e onesto ecco a voi le conclusioni.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -