Sudafrica: la Cina costruirà una base navale a Gibuti

 

La Cina costruirà la sua prima base navale a Gibuti. Lo ha confermato oggi il ministro degli Esteri del Paese africano, a margine del Forum sulla cooperazione tra Cina e Africa (FOCAC) in corso in Sudafrica, a Johannesburg. Nel Paese del Corno d’Africa, affacciato sullo stretto di Bab el-Mandeb che collega il Mar Rosso all’Oceano Indiano, sono già presenti truppe di Stati Uniti, Francia e Giappone.

cina-sudafrica

“I negoziati sono finiti e la base navale sarà costruita a Gibuti – ha detto Mahamoud Ali Youssouf alla France presse – obiettivo di questa base è contrastare i pirati e soprattutto garantire la sicurezza alle navi cinesi che usano questo stretto strategico, importante per tutti i Paesi del mondo. Per Gibuti è un altro alleato strategico”.

Lo scorso maggio era stato lo stesso presidente gibutino, Ismail Omar Guelleh, a riferire alla France presse di negoziati in corso con la Cina su una base militare. La scorsa settimana i negoziati erano stati confermati per la prima volta dalle autorità cinesi, precisando che si tratta di strutture militari logistiche nel porto di Gibuti a sostegno dei peacekeeper cinesi e per le missioni anti-pirateria.Secondo quanto riferito dal China Daily, oggi il presidente cinese Xi Jinping ha incontrato Guelleh a margine del vertice di Johannesburg, accogliendo con favore la partecipazione del Paese africano al progetto cinese per una Via della seta del XXI secolo, lanciato dallo stesso Xi nel 2013, volto a portare le merci cinesi nel Medio Oriente e da qui in Africa e in Europa. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -