Iraq: 1.200 soldati turchi entrano nella regione di Mosul

 

Circa 1.200 soldati turchi sono entrati nella regione irachena di Mosul, nei pressi di Bashiqa. Lo riferisce la Cnn turca citando fonti della sicurezza. L’area è sotto il controllo dell’Isis dal giugno 2014.

La Turchia avrebbe schierato delle unita’ di fanteria dotate di armi pesanti nella periferia di Mosul, citta’ dell’Iraq settentrionale in mano allo Stato islamico dal giugno 2014. Lo ha detto il portavoce delle Unita’ per la mobilitazione popolare (Pmu, milizie sciite) per la provincia di Ninive, Mahmoud Alsurja, in un comunicato stampa diffuso dalla stampa locale. Gli Stati Uniti sono consapevoli della presenza di truppe turche nell’Iraq settentrionale, ma precisano che queste truppe non fanno parte della coalizione guidata dagli Usa. Lo si apprende da fonti ufficiali della Difesa statunitense

Si tratterebbe in particolare di “tre unita’ militari turche dotate di armi pesanti”. Secondo il portavoce delle Pmu, le forze di terra turche si starebbero preparando a sostenere la coalizione internazionale nell’offensiva per riconquistare Mosul. Finora non c’e’ stata alcuna reazione da parte del ministero della Difesa e del governo federale di Baghdad al presunto ingresso delle truppe turche nel territorio iracheno.

Nella giornata di ieri, giovedi’ 3 dicembre, l’ufficio del primo ministro Haider al Abadi ha diffuso un durissimo comunicato in cui ribadisce “il fermo e categorico rifiuto a qualsiasi violazione della nostra sovranita’”, avvertendo che Baghdad “riterra’ un atto ostile qualsiasi ingresso di forze di terra” straniere. Atto a cui il governo federale “rispondera’ di conseguenza”.

La tensione fra Russia e Turchia e’ precipitata dopo le accuse di Mosca ad Ankara quest’ultima accusata di comprare il petrolio estratto dallo Stato islamico nei giacimenti in Iraq e in Siria. Nei giorni scorsi il ministero del Petrolio dell’Iraq ha invitato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ad aprire un’indagine ufficiale sul contrabbando di petrolio ad opera dello Stato islamico (Isis) in territorio iracheno.

“Chiediamo l’istituzione di una commissione d’inchiesta in sede Onu per attuare le decisione adottate in precedenza in relazione al contrabbando di petrolio iracheno, e identificare le parti coinvolte in questo processo, che siano individui, aziende o paesi”, ha detto un portavoce del dicastero di Baghdad. Quest’ultimo ha spiegato che l’Iraq perde “dai 300 ai 400 mila barili di petrolio al giorno” a causa dell’inattivita’ della raffineria di Baiji, situata nella provincia centrale di Salah al Din, dove sono attivi i miliziani dell’Is. Non solo: “Daesh (acronimo arabo di Stato islamico in Iraq e Siria, ndr) contrabbanda grandi quantita’ di petrolio iracheno dai campi di Ajil e Hamrin, nella provincia di Salah al Din, attraverso la provincia settentrionale di Ninive, e da li’ fino al confine.
Questa attivita’ certamente finanzia le loro operazioni”, ha concluso il portavoce. Secondo la Cnn turca, il contingente turco alle porte di Mosul sarebbe composto da 130 uomini, con l’incarico di addestrare le forze locali a Basik (20 chilometri a nordest di Mosul). Nella stessa zona sono stati inviati 20-25 carri armati turchi. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -