USA, Pentagono: donne nelle Forze Armate anche in ruoli di combattimento

donne-usa

Nelle Forze Armate degli Stati Uniti tutte le posizioni saranno aperte “senza eccezioni” anche alle donne, comprese quelle di combattimento, sempre che “ne posseggano i requisiti” validi per chiunque: e’ l’ordine annunciato in prima persona dal capo del Pentagono, Ashton Carter. “Questa e’ la mia decisione”, ha proclamato Carter in conferenza stampa. “Aprire alle donne tutte le professionalita’ e le posizioni militari che ancora non lo sono. Non vi saranno eccezioni”, ha puntualizzato.

L’amministrazione di Barack Obama aveva reso noto gia’ nel 2013 la volonta’ di compiere un passo del genere, ma poi la sua attuazione era stata rinviata per esaminare la questione in dettaglio. Il ministro della Difesa americano ha anche precisato che le donne, sempre purche’ idonee, potranno d’ora in poi andare a combattere persino in prima linea. E’ stata cosi’ scavalcata un’obiezione tradizionalmente opposta in particolare dal corpo dei Marines: quest’ultimo e’ stato altresi’ l’unico, ha riferito, che non si e’ espresso a favore della novita’.

Carter ha quindi spiegato che il provvedimento con cui si aboliscono le residue distinzioni di genere entrera’ in vigore dopo una fase interlocutoria dalla durata di trenta giorni, come prescritto dalla legge: conclusa la moratoria, si procedera’ all’integrazione delle nuove effettive “in maniera ponderata e metodica”. Le donne potranno in particolare ambire ai 220.000 posti aggiuntivi previsti per le varie armi. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “USA, Pentagono: donne nelle Forze Armate anche in ruoli di combattimento”

  1. Non ho capito perche’ ambiscano cosi’ tanto a andare a combattere.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -