Strage California, polizia: a casa del killer 12 bombe artigianali e 1600 munizioni

california-polizia-chief

E’ probabile che Syed Rizwan Farook, uno dei due killer della strage di San Bernardino, fosse radicalizzato. Lo affermano fonti dell’Fbi alla Cnn, spiegando che l’uomo era in contatto telefonico e via social media con piu’ di un soggetto legato al terrorismo internazionale.

All’interno della sua casa Syed Rizwan Farook, autore con la moglie della strage di ieri a San Bernardino in California, aveva 12 bombe artigianali. Lo ha detto il capo della polizia di San Bernardino, Jarrod Burguan, in una conferenza stampa in cui sono stati diffusi nuovi dettagli sulla sparatoria in cui sono morte 14 persone e ne sono rimasti feriti 21.

“Siamo convinti che i due sospetti uccisi siano gli autori della strage e non ci siano in questo momento altre minacce nell’area”, ha aggiunto il capo della polizia che ha ricordato come non ci siano ancora certezze sul movente dei due killer. Farook, 28 anni, ha esploso 75 colpi all’interno dell’auditorium in cui è stata commessa la strage mentre nel corso dello scontro a fuoco in cui lui e la moglie Tashfeen Malik, 27 anni, sono stati uccisi la polizia ha sparato 380 colpi.

I due a casa avevano oltre 1.600 munizioni oltre alle bombe artigianali. . (askanews)

Il sospetto autore della strage di San Bernardino, California, il musulmano osservante Syed Rizwan Farook, ha usato quattro fucili tutti acquistati legalmente. Lo ha detto il capo della polizia di San Bernardino, Jarrod Burguan



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -