Fermato afghano con video di guerra e teste mozzate sui cellulari, scarcerato

 

Si chiama, ma chissà se è vero, Nassim Lagani ed è un sedicente cittadino afghano nato nel 1993. Lo hanno fermato per caso nel corso di un normale controllo di frontiera, tra Italia e Francia, su un TGV in arrivo da Parigi e diretto a Milano. Nello zaino gli hanno trovato sei telefoni cellulari, uno dei quali satellitare, 23 sim intestate ad altrettante persone sconosciute, la foto di un bonifico da 2mila sterline inviato a un conto criptato in Inghilterra.

Ma, come scrive il quotidiano “La Stampa”, la sorpresa grossa, gli uomini della polizia di frontiera l’hanno avuta guardando nella memoria di quei sei telefonini. Dove hanno trovato immagini della guerra in Iraq e Siria e quelle di due miliziani in armi davanti a sei teste appena mozzate.

L’uomo è stato fermato, ma siccome non è stato possibile accertare se i telefonini fossero stati rubati, e dunque provare il reato di ricettazione, Lagani è stato scarcerato. Ora si trova nel Cie di Torino, in attesa di ulteriori accertamenti. libero

4000 miliziani ISIS sono già in Europa, dormienti. Pronti a un attacco a sciame



   

 

 

1 Commento per “Fermato afghano con video di guerra e teste mozzate sui cellulari, scarcerato”

  1. Ce fa l’hanno scarcerato ma guarda un po, queste non sono più notizie perché il popolo becero stanno tutti a 90° nonostante quello che sta succedendo, per me è una cosa allucinante, per tante altre persone omertose fanno finta di non sapere e non vedere, siamo messi molto male!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -