La UE avverte l’Italia: Rischi macroeconomici, sorvegliata speciale per il debito

Da Bruxelles arriva un nuovo allarme per l’Italia: la Commissione europea non vede le condizioni per una riduzione certa del debito pubblico e il nostro Paese continuera’ a essere sorvegliato speciale.

renzi-padoan

Secondo quanto emerge in un’analisi sugli squilibri macroeconomici reali o potenziali pubblicata oggi nell’ambito del processo di sorveglianza macroeconomica dei Paesi, l’Italia si caratterizza per “una crescita della produttivita’ contenuta, che frena le prospettive di crescita, il miglioramento della competitivita’, e che rende piu’ difficile per ridurre il debito pubblico”. Per questo motivo, Bruxelles continuera’ a “esaminare ulteriormente la persistenza di rischi macroeconomici e a monitorare i progressi nella riduzione di squilibri eccessivi”.

Insomma, il nostro paese e in particolare la situazione economica e finanziaria e’ motivo di preoccupazione, in quanto siamo piu’ esposti di altri a rischi di “shock”. Cio’ non solo a causa dell’elevato debito pubblico, ma anche “di una tendenza al calo del potenziale di crescita o competitivita“.

L’Italia non e’ un caso isolato, ma rientrano in questa casistica altri paesi di “rilevanza sistemica” come la Francia e anche “economie piu’ piccole come il Belgio”, tutti Paesi dove “aumenta la probabilita’ di traiettorie instabili debito-PIL e vulnerabilita’ agli shock avversi”.

A destare preoccupazione e’ anche il mercato del lavoro, soprattutto per i giovani. L’Italia ha un tasso di disoccupazione giovanile del 41%, come la Croazia e peggio solo di Spagna e Grecia. Nel rapporto, si rilevano “sviluppi piuttosto problematici del tasso generale di disoccupazione e degli indicatori sociali”, e il documento avverte che l’Italia dovra’ essere monitorata in quanti “questi sviluppi possono diventare tendenze di lungo periodo”, e dunque problemi strutturali.

Preoccupa anche la situazione relativa ai cosiddetti “Neet”, quanti non hanno un lavoro e smettono di cercarlo. “La rapidita’ di aggiustamento di questo tasso appare insufficiente in Italia”, dove i Neet rappresentano oltre il 20% della popolazione di eta’ compresa tra i 15 e 24 anni.
Parole di incoraggiamento vengono comunque espresse dal commissario per gli Affari economici Pierre Moscovici: “L’Italia deve continuare nel suo percorso di crescita, vorremmo vedere che la ripresa si consolidi”. E comunque visto che l’Italia ha anche chiesto di avvalersi della possibilita’ di tener fuori dal calcolo di debito e deficit le spese per le riforme, gli investimenti e la gestione della crisi rifugiati, Moscovici ha fatto sapere: “Ci siamo dati appuntamento a febbraio per effettuare un’altra analisi e vedere se l’Italia possa beneficiare della flessibilita’ e in che misura”. AGI



   

 

 

1 Commento per “La UE avverte l’Italia: Rischi macroeconomici, sorvegliata speciale per il debito”

  1. E ti pareva, con certi MxxxxxxxI che abbiamo, ci e andata bene al momento ma qui la situazione e gravissima sia con l’UE, e sia con i Clandestini terroristi, chi ca22o ti protegge? la polizia non può intervenire perché se succede qualche cosa sono morti in partenza senza alcuna difesa minima non c’è l’hanno forse ci proteggeranno i Politici del PD si metteranno loro d’avanti e gli spiegheranno che cosa debbono fare. Popolo apriamo gli occhi che e già troppo tardi.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -