Canton Ticino, multe fino a 10mila franchi per chi indossa burqa o niqab

 

Il parlamento del Canton Ticino ha approvato una legge che proibisce di indossare in pubblico indumenti che nascondono il corpo dalla testa ai piedi, come quelli indossati dalle donne di religione musulmana.

niqab

Nel settembre 2013, due terzi dei cittadini del cantone svizzero di lingua italiana avevano votato per il divieto di utilizzare burqa e niqab, come ricorda il sito TheLocal.ch.

Il governo si era detto favorevole al divieto per burqa e niqab ma anche per tutti gli altri indumenti che coprono la faccia, ad esempio le maschere, indossate dai dimostranti nelle proteste, e i passamontagna. I parlamentari invece hanno votato per un provvedimento che riguarda esclusivamente i veli musulmani, evitando in questo modo di metterli sullo stesso livello di hooligans e manifestanti mascherati

Rafforzate anche le misure di sicurezza per chi entra in Parlamento, con l’installazione di metal dector agli ingressi.

La legge, che riguarda anche i turisti, prevede una multa tra i 100 e i 10mila franchi (circa 10mila euro). Il divieto sarà reso noto a chiunque entri nel Canton Ticino, sia negli aeroporti sia alla dogana con il confine italiano. Lo scorso anno sono stati circa 40mila i visitatori arrivati dal Medio Oriente

today.it



   

 

 

1 Commento per “Canton Ticino, multe fino a 10mila franchi per chi indossa burqa o niqab”

  1. questo si chiama incremento alle casse di stato oltre ad essere monito per gli stranieri di adeguarsi alle Leggi Locali: Brava svizzera

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -