Cameron: altri 12 miliardi di sterline per spese militari contro Isis e Russia

 

La Gran Bretagna rivede la sua lista di priorita’ nelle minacce da affrontare. Per questo David Cameron annuncia fondi extra per 12 miliardi di sterline all’anno (17,1 di euro) per i prossimi 5 anni per rafforzare le risorse dei militari, che rappresenteranno la prima linea di difesa sia contro il terrorismo di Isis, a scapito della polizia, che contro stati ostili: in primis la Russia, anche se non viene esplicitamente citata.

Cameron-putin

Il premier britannico illustra la nuova strategia di Difesa (“Strategic Defence and Security Review”) ai Comuni che, complessivamente, in 10 anni prevedera spese ulteriori per 178 miliardi di sterline (254 di euro).

Il piano prevede l’acquisto di nove aerei per la sorveglianza marittima antisommergibili americani (P-8 Poseidon, versione militare del Boeing 737) per far fronte alle minacce – l’ultima, si e’ scoperto oggi, e’ in corso da 10 giorni – dei sottomarini russi che si avvicinano indisturbati alle basi in Scozia dei ‘Trident’ britannici. Minaccia per cui Londra, che ha smantellato nel 2010 la flotta aerea dei suoi aerei antisom Nimrod, ha dovuto chiedere aiuto a Francia e Canada. Il secondo punto riguarda, scrive il Times, la costituzione, entro i prossimi dieci anni, di due “brigate d’attacco” formate ciascuna da 5.000 soldati in grado di essere rapidamente schierate su ogni fronte. A queste si affiancheranno – ma da subito – altri 10.000 soldati pronti ad essere impiegati all’interno del Regno Unito nelle strade delle citta’ al fianco della polizia come prevede l’operativo ‘Temperer’, in funzione antiterrorismo.

“La ragion d’essere della nuova strategia e’ che non possiamo scegliere tra la difesa convenzionale contro minacce provenienti da altri Stati e la necessita’ di contrastare minacce che non riconoscono i confini nazionali (il terrorismo di Isis o altri gruppi, ndr)”, dira’ Cameron, perche’ “oggi dobbiamo affrontare e rispondere ad entrambe.

Tra le altre misure sara’ prolungata la vita operativa di due squadroni di caccia-bombardieri Eurofighter per altri 10 anni, cosi’ come, ci sara’ un aumento del 30% (2 miliardi di sterline) nelle spese contro il terrorismo per le forze speciali (Sas e Sbs). Da ultimo Cameron, forte della fronda all’interno dei laburisti – decine di deputati hanno minacciato il segretario Jeremy Corbyn di dimettersi se non fosse stata concessa loro liberta’ di voto – chiedera’ il via libera ai raid aerei in Siria, lo stesso che non gli venne clamorosamente concesso nell’estate del 2013. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -