“Ma la Turchia con chi sta?”

 

L’eurodeputato della Lega Nord denuncia le “ambiguità di Ankara, che dice di voler combattere l’Isis, ma poi abbatte l’aereo russo in Siria”.

Strasburgo 24 novembre 2015 – “Non si capisce bene il ruolo della Turchia. Con chi sta? Vuole davvero combattere l’Isis?”. Lorenzo Fontana, europarlamentare della Lega Nord, commenta l’abbattimento dell’areo russo: “Una domanda sull‘ambiguità di Ankara, che dice di voler combattere l’Isis, ma poi abbatte l’areo russo in Siria per presunti confini violati, me la farei. La Russia, piaccia o non piaccia Putin, ha preso un impegno chiaro e trasparente contro l’estremismo islamico. Abbattere i suoi aerei, anziché fare fronte comune, non è certamente un segnale positivo”.



   

 

 

2 Commenti per ““Ma la Turchia con chi sta?””

  1. La Turchia, insieme con tutti i paesi NATO, Stati Uniti in testa con “special guest” Arabia Saudita, Quatar e Israele (e pure la Giordania un po’ controvoglia) sono i terroristi mussulmani tagliagole, non è che stanno dalla loro parte, lo sono proprio.
    Ah, dimenticavo il cappellano dei tagliagole, il sig Bergoglio che se ne sta in “adorazione” e prega per loro.

  2. Signor Fontana la Turchia non combatte l’ISIS ma ne favorisce l’evoluzioni compreso i suoi alleati USA e UE che non stanno muovendo un dito qui solo la Russia si sta muovendo con l’aiutino della Francia l’UE gli hanno affibbiato un nome non appropriato perché il vero nome e UC unione conigli.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -