Siria, morte le ragazzine austriache che si unirono all’Isis

Bellissime, giovani, con una vita davanti. Ma queste due adolescenti austriache che hanno aderito a Isis e lasciato tutto per la Siria, hanno trovato, una dopo l’altra, la morte.

jihad

Riporta il Daily Mail che Samra Kesinovic, 17 anni, è stata picchiata a morte dopo essere stata beccata mentre cercava di fuggire da Raqqa, la roccaforte di Isis. La notizia non è ancora stata confermata dal governo.

La sua amica, Sabina Selimovic, 16 anni è morta durante i combattimenti qualche tempo fa. Le due ragazze, di origine bosniaca ma residenti in Austria, si trasferirono in Siria nell’aprile del 2014.

Erano scomprse nell’aprole del 2014 e le autorità turche  confermaarono allora che le due ragazze erano giunte su territorio turco, ma da quel momento non si seppe più nulla.

Il giornale austriaco Kronen Zeitung scrisse che le due giovani, di origini bosniache, avrebbero lasciato una lettera ai genitori con la quale spiegavano loro l’intenzione di “combattere per l’Islam in Siria”. Un’ipotesi rafforzata dalle foto postate qualche tempo dopo dalle due giovani su Facebook, dove le si vedeva col velo, accerchiate da combattenti armati.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -