Lo Stato restituisce un milione di beni a Sinti già condannati

È una vicenda che ha dell’assurdo, quella che arriva da Asti. Assurda perché riunisce i problemi di una giustizia dai tempi omerici, quelli di una burocrazia bizantina e quelli di una criminalità tanto diffusa quanto apparentemente imbattibile.

Come scrive il giornale, il Tribunale della città piemontese, infatti, ha appena dichiarato la prescrizione dell’accusa di ricettazione di cui era imputata una banda di sinti già condannati per associazione a delinquere. I nomadi erano finiti sotto la lente della giustizia già nel 2006, quando i carabinieri avevano sequestrato loro denaro e beni di ogni sorta, dopo mesi di pedinamenti in almeno tre Regioni d’Italia.

All’epoca il giudice applicò il sequestro preventivo, ma grazie a una strategia difensiva messa in campo con grande abilità dagli avvocati degli imputati il processo per ricettazione si è perso tra mille rivoli fino a giungere a ricettazione. Come spiega magistralmente Massimo Coppero sul Secolo XIX, ora i legali dei sinti hanno ottenuto il dissequestro di tutto: conti correnti, terreni, preziosi, auto e camper di lusso, polizze assicurative, conti postali. Tutto restituito, per un totale di un milione di euro.

Con un’ulteriore, atroce, beffa: le spese dell’affitto del terreno scelto per custodire auto e caravan sono state messe in conto al Ministero della Giustizia. Cioè a tutti i cittadini.



   

 

 

1 Commento per “Lo Stato restituisce un milione di beni a Sinti già condannati”

  1. Non è un problema di burocrazia, nemmeno di abilissimi super-avvocati, il problema sono i giudici, è la magistratura, i magistrati che sono…

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -