“Hai la laringite”, 27enne dimesso dal pronto soccorso muore dopo due ore

 

“Ieri sera è morto mio figlio Daniele era andato al pronto soccorso perché non respirava bene, lo hanno mandato a casa dicendo che era una laringite. Dopo 2 ore è morto”, così papà Alessandro ha comunicato ad amici e conoscenti sui social network l’assurda morte di suo figlio, Daniele Rossi un 27enne che viveva a Valle Verta, un quartiere ai confini trai comuni di Genzano e Lanuvio.

malasanita

Il giovane tifosissimo della Roma e operatore delle pulizie presso la discarica di Roncigliano di Albano nel pomeriggio di sabato 21 novembre si reca alle 16.19 al pronto soccorso dell’ospedale Colombo di Velletri perché a causa in apparenza di un banale mal di gola non riesce a respirare bene.

Viene dimesso dal pronto soccorso un’ora dopo (alle 17.31) con la diagnosi di una semplice laringite e viene curato con dell’aerosol. Daniele purtroppo morirà due ore dopo intorno alle 19.30 a casa mentre era con gli amici a seguire la partita della sua squadra del cuore per un aggravarsi delle sue condizioni.

Assistenza sanitaria negata. Lo denunciano sempre più cittadini

I parenti più stretti hanno reso pubblici i documenti rilasciati dal pronto soccorso anche per far chiarezza sulle tempistiche del decesso e rettificare alcune informazioni non corrette circolate sui tg nazionali.

La famiglia ha sporto denuncia presso i carabinieri per accertare eventuali errori e responsabilità nei trattamenti sanitari del giovane genzanese. Nella giornata di oggi verrà effettuata l’autopsia presso il policlinico di Tor Vergata per accertare le cause del decesso.

Su Facebook il deputato del Movimento 5 stelle Stefano Vignaroli ha voluto ricordare Daniele con un messaggio: “L’hanno mandato a casa con la diagnosi di una banale laringite, ma Daniele Rossi, un ragazzo di 27 anni di Lanuvio, dopo essere tornato a casa, si è sentito male ed è morto – scrive l’onorevole – Era addetto alle pulizie nella discarica Roncigliano di Albano e soffriva da qualche giorno di un forte mal di gola. Preferisco non commentare, non posso stabilire le cause e spero le autorità competenti indaghino. Provo un dolore che già conosco”.

romatoday.it



   

 

 

2 Commenti per ““Hai la laringite”, 27enne dimesso dal pronto soccorso muore dopo due ore”

  1. Condoglianza ai famigliari.
    Mi scuseranno i famigliari se prendo questa occasione di esprimere un mio disappunto sulla Sanità amministrata da Incapaci e incompetenti, ho fatto una richiesta al CUP di Giulianova (TE) per 3 infiltrazioni endoarticolari la risposta è stata la prima il 18/02/20106 seconda giustamente deve passare una settimana il 25/02/20106 e la terza il 03/03/206 da badare bene trattasi solo di fare una iniezione tempo stimato al massimo 10 minuti è allucinante se ero un Clandestino da ieri a oggi già avrei fatto la iniezione, questo grazie ai Politici del PD incompetenti, basta che pensano ai Clandestini anche se tentano di sviare e cambiare le carte in tavola tra clandestini e immigrati e Terroristi, viva L’ITALIA di Conigli Italiani.

  2. Successe anche a me la stessa cosa. Stessa diagnosi: Laringite! ma io non avevo ne’ naso chiuso, ne’ tosse, ne’ mal di gola. Semplicemente non respiravo bene. facevo fatica.Tornai tre volte quel giorno al pronto soccorso di Budrio (BO) e a sera tarda quando ormai respiravo a mala pena, passò vicino alla mia barella un medico che mi visitò immediatamente e anzi riprese il personale perché ero da ore in sala d’aspetto. Mi disse che avevo la cassa toracica ” atrofizzata” e quindi avrei respirato sempre meno.

    la cura fu antibiotico e aerosol mirato con cortisone.
    Fu una cosa abbastanza lunga ma tutto sommato semplice da curare; dopo due settimane passò tutto.
    Sono davvero basita per quello che è successo a Daniele Rossi. Queste situazioni non dovrebbero proprio esistere.L’incompetenza va punita.
    Elisabetta Nanetti

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -