“Il tempo del cambio dei regimi è finito, l’Occidente deve accettare Assad”

La Siria conferma il fallimento del piano degli Stati Uniti per il cambiamento dei regimi in Medio Oriente con l’obiettivo di ottenere una “trasformazione democratica.” L’unica forza che può riempire il vuoto politico di questi Paesi è l’Islam radicale, ritiene l’editorialista della rivista Foreign Policy Emile Simpson.

Obama_Assad

I tragici eventi di Parigi hanno mostrato che sebbene l’Occidente non tolleri Assad e lo consideri “un macellaio sanguinario, la questione delle sue dimissioni improvvisamente è passata in secondo piano, scrive l’editorialista della rivista “Foreign Policy” Emile Simpson.

Sembra che finalmente l’Occidente abbia cominciato a capire che l’unica forza capace di riconquistare i territori occupati dallo “Stato Islamico” sia l’esercito di Bashar Assad, scrive Simpson.

Fa notare che finora l’esercito siriano non riusciva in questa impresa in quanto i Paesi occidentali e le monarchie sunnite del Golfo sostenevano i ribelli di vari gruppi per rovesciare Assad, tenendo così impegnate le sue truppe.

Ora l’Occidente sta iniziando a capire che in Siria non ci sono alternative ad Assad, ritiene l’editorialista. A prescindere dal destino del capo di Stato siriano, lo scioglimento del suo regime comporterebbe il crollo di quel che resta del Paese e porterebbe ancora più caos. Così, scrive Simpson, la Siria conferma la lezione appresa in Iraq: è giunto al capolinea il piano per promuovere la “libertà” nel mondo musulmano.

In futuro ci saranno interferenze non per cambiare i regimi, ma per rafforzare governi deboli, senza alcuna garanzia di “riforme democratiche”, ritiene Simpson.

Secondo l’analista, non vi è dubbio che l’unica forza capace di riempire il vuoto politico degli Stati deboli sia costituita dagli islamici radicali. Qualsiasi intervento negli affari interni di Stati sovrani (anche ritenuti repressivi secondo gli standard dell’Occidente) è concepito come un mezzo verso la democrazia, tuttavia può essere sfruttato dagli islamici per raggiungere una destinazione completamente diversa, conclude l’analista.

it.sputniknews.com



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -