Belgio, massima allerta a Bruxelles: “armi ed esplosivi” pronti all’uso

 

La minaccia di attacchi terroristici con “armi ed esplosivi” in Belgio, “simili” a quelli compiuti a Parigi lo scorso 13 novembre, ha fatto scattare l’allerta massima nella regione di Bruxelles. “Ci sono sufficienti elementi per stimare che la minaccia è precisa e imminente“, ha fatto sapere il governo. Certamente tale da decretare il livello 4 di allerta – mentre nel resto del Paese rimane allo stadio 3 – dopo le perquisizioni e gli arresti delle ultime ore in città.

belgio

Durante un sopralluogo notturno dei militari al domicilio di un sospetto, poi arrestato, sono state trovate delle armi, ha confermato questa mattina il procuratore federale. L’attività degli inquirenti, secondo Derniere Heure, avrebbe portato poi anche al ritrovamento di cariche esplosive e prodotti chimici a Molenbeek, nel conglomerato cittadino. Proprio da Molenbeek sono arrivati a Parigi alcuni degli autori della strage di venerdì della scorsa settimana: la presunta mente degli attentati, Abdelhamid Abbaoud, ucciso nel raid di Saint Denis di giovedì scorso; il ricercato numero uno delle forze di sicurezza e dell’intelligence di tutta Europa, Salah Abdeslam.

 Tutte le stazioni della metropolitana di Bruxelles sono state chiuse. Gli autobus continuano a circolare, ma molti tram in città hanno sospeso il servizio. Il Centro di crisi (Ocam) ha chiesto la sospensione di tutti i match di prima e seconda divisione belga in programma nel weekend. Nessun incontro di divisione inferiore sarà organizzato inoltre nella regione.

Le partite di basket a livello regionale e provinciale sono state annullate, così come il concerto del rocker francese Johnny Hallyday in programma questa sera al Palais 12 sull’altopiano dell’Heysel.Nessun treno, inoltre, servirà per tutta la giornata la stazione di Bruxelles-Schuman, mentre sono stati rafforzati gli effettivi di polizia e forze armate in tutto il Paese.

Da questa notte sono in corso pattugliamenti congiunti: unità composte da due soldati armati e un agente di polizia sono state dispiegate in diversi punti della città (Avenue Louise, Place du Grand Sablon, Porte de Namur Rue Neuve). Per contattare il Centro di crisi è stato istituito il numero 1771. L’Ocam ha invitato tutti i cittadini a evitare “luoghi a forte concentrazione di persone”, citando “i concerti, i grandi eventi, le stazioni, gli aeroporti, i trasporti” e le attività commerciali più frequentate.

Al termine di una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza nazionale, il primo ministro Charles Michel ha rilanciato l’appello delle autorità: “Raccomandiamo alla popolazione di osservare tutte le istruzioni di sicurezza e di rimanere informati attraverso i canali ufficiali di comunicazione”, ha detto, invitando i concittadini ad essere “prudenti e vigili”, “senza scivolare nel panico”. D’altra parte, la situazione è “in evoluzione e può essere riconsiderata in ogni momento se emergeranno altri elementi utili”, gli ha fatto eco il direttore del Centro di crisi, Peter Mertens.

E’ la seconda volta che il Belgio si vede costretto a innalzare al massimo il suo livello di allerta terrorismo. Prima d’oggi – ricorda La Libre – era accaduto solo durante le festività di fine anno 2007, quando l’arresto di 14 persone consentì alle autorità locali di venire a conoscenza di un piano per la fuga dal carcere di Nizar Trabelsi, ex calciatore diventato terrorista e detenuto per il suo tentativo di attentato (fallito) contro la base statunitense di Kleine-Brogel, in Belgio, da cui riteneva partissero rifornimenti militari per Israele. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -