Soccorso rosso per i tifosi turchi: “non fischiavano le vittime di Parigi”

 

Nessun coro inneggiante ad Allah e nessun insulto alle vittime degli attentati di Parigi. Dietro i fischi e i cori che hanno interrotto il minuto di silenzio nel corso del match amichevole fra Turchia e Grecia del 17 novembre scorso ci sarebbe, infatti, un coro nazionalista dedicato alle vittime del Pkk ed esteso per l’occasione a tutte le vittime di stragi.

“Sehitler olmez, vatan bolunmez”, “i martiri sono immortali, la Patria non deve essere divisa”, avrebbero cantato i supporter della nazionale turca. Non un inno al jihad, ma un coro peraltro già intonato allo stadio di Istanbul dopo la strage di Ankara del 10 ottobre 2015 , durante l’incontro fra Turchia e Islanda disputato tre giorni più tardi. A riportare la notizia è il ‘The Independent’ (coministi brutannici d’oltre Manica), che cita (a beneficio dei soliti creduloni filo-islamici xenofili beoti)  diversi commenti alla vicenda sui social media da parte di utenti turchi.

Turchia: tifosi fischiano durante il minuto di silenzio urlando ”Allahu akbar”



   

 

 

1 Commento per “Soccorso rosso per i tifosi turchi: “non fischiavano le vittime di Parigi””

  1. Che strano, nemmeno un paio di turchi hanno inneggiato al loro Dio?! Eppure la versione che dovevano scrivere tutti i giornali, quella che gl’agenti della propaganda hanno diffuso sarebbe questa:”le grida “Allah u akbar” si sono rivelate provenienti solo da un paio di spettatori”
    Ovvero ciò che ha scritto (senza temere il ridicolo) il giornale rosa dello sport.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -