Soccorso rosso per i tifosi turchi: “non fischiavano le vittime di Parigi”

 

Nessun coro inneggiante ad Allah e nessun insulto alle vittime degli attentati di Parigi. Dietro i fischi e i cori che hanno interrotto il minuto di silenzio nel corso del match amichevole fra Turchia e Grecia del 17 novembre scorso ci sarebbe, infatti, un coro nazionalista dedicato alle vittime del Pkk ed esteso per l’occasione a tutte le vittime di stragi.

“Sehitler olmez, vatan bolunmez”, “i martiri sono immortali, la Patria non deve essere divisa”, avrebbero cantato i supporter della nazionale turca. Non un inno al jihad, ma un coro peraltro già intonato allo stadio di Istanbul dopo la strage di Ankara del 10 ottobre 2015 , durante l’incontro fra Turchia e Islanda disputato tre giorni più tardi. A riportare la notizia è il ‘The Independent’ (coministi brutannici d’oltre Manica), che cita (a beneficio dei soliti creduloni filo-islamici xenofili beoti)  diversi commenti alla vicenda sui social media da parte di utenti turchi.

Turchia: tifosi fischiano durante il minuto di silenzio urlando ”Allahu akbar”



   

 

 

1 Commento per “Soccorso rosso per i tifosi turchi: “non fischiavano le vittime di Parigi””

  1. Che strano, nemmeno un paio di turchi hanno inneggiato al loro Dio?! Eppure la versione che dovevano scrivere tutti i giornali, quella che gl’agenti della propaganda hanno diffuso sarebbe questa:”le grida “Allah u akbar” si sono rivelate provenienti solo da un paio di spettatori”
    Ovvero ciò che ha scritto (senza temere il ridicolo) il giornale rosa dello sport.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -