Chiude la Maccaferri di Castilenti, 42 lavoratori a casa

 

Si è  concluso, a Pescara, il tavolo regionale sulla vertenza Maccaferri, azienda di Castilenti che produce impiantistica metalmeccanica di alta qualità in crisi da mesi. I rappresentanti legali dell’impresa hanno incontrato l’assessore regionale alle attività produttive, Giovanni Lolli, e una delegazione teramana composta dal presidente della Provincia, Renzo Di Sabatino, dal sindaco di Castilenti, Alberto Giuliani e dal consigliere regionale Luciano Monticelli. Presenti anche i sindacati, Fiom Cgil e Fim Cisl, e Italia Lavoro.

La Maccaferri ha ribadito, senza possibilità alcuna di ripensamento, la sua decisione di abbandonare il polo produttivo teramano: per i 42 dipendenti si apre, quindi, la strada della cassa integrazione straordinaria, per un anno, per cessazione di attività. “Ci attiveremo immediatamente per gli ammortizzatori sociali, già la prossima settimana fisseremo una riunione in Provincia – ha dichiarato al termine del tavolo sindacale il presidente Renzo Di Sabatino – ma continuo a sperare che vi possano essere altri imprenditori interessati a rilevare dipendenti e fabbrica. Insieme alla Regione e al Comune, utilizzando i canali dello scouting imprenditoriale, proveremo a compiere un’esplorazione per verificare se ci sono gruppi o imprenditori interessati”.

Fonte rete8.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -