“Brano troppo cristiano”: niente Adeste Fideles a scuola al concerto natalizio

 

presepe

L’insolita richiesta è arrivata direttamente dalla scuola e già si annunciano polemiche: al tradizionale concerto di Natale del 19 dicembre prossimo nella palestre dell’Istituto Comprensivo Statale di Casazza la banda parrocchiale del paese non potrà suonare Adeste Fideles perchè brano troppo legato alla religione cristiana e che potrebbe offendere i bambini di altre fedi. […]

Come scrive BergamoNews.it,  “E’ stato considerato ‘troppo cristiano‘ – spiega Silvia Micheli, 28enne componente del Consiglio direttivo della banda – Ci è stato detto che, siccome Casazza è un paese multiculturale e a scuola ci sono bambini di diverse fedi, avrebbe potuto offendere le altre credenze. La richiesta ci ha lasciati un po’ sbigottiti perchè essendo una banda parrocchiale e dovendo eseguire un concerto tradizionale di Natale pensavamo di avere la possibilità di suonare qualcosa di tipico: essendo ospiti, però, abbiamo deciso, senza polemica alcuna, di accogliere l’invito e di virare su ‘Jingle bell rock’, meno connotato”.

La consigliera regionale della Lega Nord Silvana Santisi Saita, sul proprio profilo Facebook ufficiale ha commentato amareggiata: “Si avvicina il Natale. La scuola dovrebbe formare e integrare e invece dopo il Presepe adesso censurano anche la musica. In un paese della bergamasca la dirigente scolastica ha chiesto alla Banda, che ogni anno fa un concerto per la scuola, di non suonare Adeste Fideles!”.



   

 

 

3 Commenti per ““Brano troppo cristiano”: niente Adeste Fideles a scuola al concerto natalizio”

  1. La dirigente della scuola dovrebbe andare a lavare i piatti, dove sta scritto che uno arriva in casa mia e non posso sentire la canzone di natale per l’altro e mussulmano sti cretini che andassero ai loro paesi e vediamo se non fanno il canto mussulmano perché può dare fastidio a noi? ma quelli ti prendono a calci in culo se ti va bene, che IxxxxI MxxxxxI.

  2. Forni piercarlo

    I bambini di altre fedi possono andare a quel paese. E sono stato infinitamente gentile.

  3. Continuiamo pure a rinnegare le nostre radici,la nostra storia antica di millenni,fatta di bellezza ed armonia,continuiamo pure a dimenticare chi siamo,senza piu’ identita’,senza piu’ punti di riferimento…..continuiamo cosi’ che i risultati nella nostra societa’ sono gia’ visibili e lampanti….e ci domandiamo anche perche’ come se le risposte non fossero sotto ai nostri occhi…..

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -