Flessibilità e guerra, il mostro UE ora svela la sua vera natura

A seguito dei sanguinari attentati di Parigi, l’UE ha deciso di togliere le spese militari di ciascuno Stato (e quelle occorrenti per la sicurezza) dal patto di stabilità, quindi è consentito sforare il tetto del 3% del rapporto deficit/PIL limitatamente alle spese di cui sopra (militari e per la sicurezza).

Giusto!

Ora, tuttavia, non è possibile far finta di niente di fronte ad un aspetto che ha palesato la vera natura di questa Europa!

Per quale motivo la Commissione europea consente lo sforamento del parametro del 3% del rapporto deficit/PIL in merito alle spese per la sicurezza e non anche per quelle occorrenti all’occupazione e allo stato sociale?

EURODITTATURA

In questi ultimi sei anni noi italiani abbiamo assistito allo smantellamento del diritto al lavoro (sul quale, tra l’altro, la Repubblica trova fondamento – art. 1 co. I e art. 4 della Costituzione) per mano di Governi imposti da Bruxelles e Francoforte (Monti, Letta e Renzi), i quali hanno fatto tornare indietro il LAVORO di circa 120 anni (la Riforma Fornero e il Jobs Act ne sono un esempio inconfutabile). Ma non è solo questo: la decontribuzione introdotta dal Governo Renzi dal 1° gennaio 2015 verrà più che dimezzata a partire dal 1° gennaio 2016, e ciò comporterà una minore predisposizione per le imprese ad assumere nuovo personale.

Per quale motivo l’UE, tanto sensibile al tema della sicurezza, non consente di sforare il tetto del 3% del rapporto deficit/PIL anche in materia di lavoro?

Ma v’è di più.

Ve la ricordate la sentenza della Corte Costituzionale che dichiarò illegittimo il blocco dell’indicizzazione delle pensioni tre volte superiori a quella minima? Bene! Quella sentenza, se fosse stata applicata, sarebbe costata al Governo italiano circa 18 miliardi di euro, con la conseguenza che l’Italia avrebbe sforato il tetto del 3% del rapporto deficit/PIL. La soluzione adottata dal Governo è dunque stata quella di non rispettare la sentenza e di devolvere ai pensionati l’elemosina di 2 miliardi (su 18!).

E che dire dell’innalzamento, per mano del Governo Monti, dell’età pensionabile a 67 anni?

E che dire, sempre ad opera del Governo Monti, del problema degli esodati?

Tutte problematiche che sono scaturite dall’obbligo di dover rispettare i vincoli esterni… e non solo!

Ora, per quale motivo l’UE ci consente di sforare il predetto limite per le spese militari e di sicurezza, e non anche per il lavoro e lo stato sociale? Il lavoro, al pari della democrazia e dello stato sociale, non sono sullo stesso livello e grado di importanza della sicurezza???!!!

Questa UE, come ho già dimostrato nei miei libri ed articoli, è una costruzione contro i popoli e contro le democrazie… avete ancora qualche dubbio in tal senso?

Giuseppe PALMA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -