Libia: Isis arriva a Brega e uccide tre militari

 

Gli uomini dello Stato islamico (Isis), dislocati nell’area di Derna, citta’ nell’est ella Libia, hanno attaccato oggi una pattuglia dell’esercito libico, fedele al generale Khalifa Haftar, nella localita’ di Brega, uccidendo tre militari. Lo ha annunciato lo stesso gruppo jihadista con un comunicato diffuso via internet.

Si tratta della prima operazione rivendicata dall’Is nella zona di Brega. Lo Stato islamico sostiene di aver respinto ieri un’offensiva del Consiglio dei mujahidin di Derna, accusato di essere legato ad al Qaeda e ai Fratelli musulmani libici, e di aver a sua volta attaccato oggi per reazione a quanto avvenuto ieri. L’esercito libico ha partecipato ieri all’attacco contro lo Stato islamico insieme al Consiglio dei mujahidin di Derna, che da mesi tenta di estromettere il combattenti del sedicente “califfato” dalla citta’. Quella di ieri e’ stata la prima operazione congiunta delle milizie filo-islamiste legate a Tripoli e dell’esercito di Tobruk.

Un gruppo di nuovi esponenti di spicco dello Stato islamico sono intanto giunti martedi’ a Sirte provenienti da Iraq e Siria. Secondo quanto rivela il sito web libico “al Wasat”, che cita fonti locali, fra questi vi sarebbe Ala Qardash al Turkmeni, chiamato anche Abu Ala al Anbari (che non è morto ucciso dai raid USA, come era stato invece millantato dalla propaganda americana), un amico intimo del leader del gruppo jihadista, Abu Bakr al Baghdadi.agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -