Bangladesh: Medico missionario italiano ferito a colpi d’arma da fuoco

Bangladesh, attentato a padre Piero Parolari di Lecco

Si chiama padre Piero Parolari, 64 anni, ed è di Lecco il missionario italiano ferito oggi in Bangladesh. Lo scrive Mondo e Missione, testata missionaria.

padre-piero

Il sacerdote è stato ferito a colpi d’arma da fuoco questa mattina a Dinajpur, città del nord del Paese dove i padri del Pontificio Istituto Missioni Estere svolgono il loro ministero. Padre Parolari stava pedalando quando è stato avvicinato da due uomini armati. Il sacerdote è stato colpito alla testa e al collo. Come riporta il DailyStar, sarebbe già fuori pericolo.

Padre Parolari è nato a Lecco nel 1951 ed è stato ordinato sacerdote nel 1985. Partito subito per il Bangladesh, oltre che come sacerdote ha messo a disposizione della gente la sua esperienza di medico missionario. Anche questa mattina – quando è stato colpito – si stava recando all’ospedale di Dinajpur dove presta servizio come volontario. Viceparroco nella comunità di Suihari, la gente lo conosce soprattutto per la sua opera in favore dei malati di tubercolosi.

L’ambasciatore italiano in Bangladesh, Mario Palma, ha riferito a Repubblica di non ritenere l’attentato un attacco dell’Isis, ma più che altro un tentativo di creare il caos in queste ore di attesa del verdetto contro due politici bengalesi accusati di crimini contro l’umanità: Ali Ahsan Mohammad Mujahid, del Jamaat-e-Islami (JeI) e Salauddin Quader Chowdhury, del Bangladesh Nationalist Party (Bnp). Due mesi fa, l’uccisione del cooperante italiano Cesare Tavella.(da LeccoToday)

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -