Tunisia: 300 jihadisti tornati dalla Siria

 

I combattenti stranieri in Siria [ARCHIVE MATERIAL 20150220 ]

I combattenti stranieri in Siria [ARCHIVE MATERIAL 20150220 ]

TUNISI, 17 NOV – Sono circa 300 i tunisini rientrati nel territorio nazionale dopo aver militato nelle fila delle organizzazioni terroristiche nei territori del Jihad. Lo ha affermato il premier tunisino Habib Essid in un’intervista al canale televisivo locale Al Hiwar Ettounsi, specificando che le loro generalità sono conosciute dalle autorità e che essi sono oggetto di sorveglianza continua da parte delle forze di polizia. Nei loro confronti verrà inoltre applicata la nuova severa legge antiterrorismo.

Per quanto riguarda invece le conseguenze degli attentati di Parigi, Essid ha annunciato che il governo adotterà alcune misure preventive quali l’ulteriore intensificazione del dispositivo di sicurezza sulle frontiere con la Libia e la revisione dei piani militari e di sicurezza in linea con la nuova situazione. Anche i controlli di sicurezza negli aeroporti verranno aumentati. Di fronte ad una situazione eccezionale bisogna rispondere con misure eccezionali, ha detto il premier confidando nella comprensione dei cittadini di fronte a queste decisioni che mirano ad assicurare la protezione della loro sicurezza. (ANSAmed)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -